Amicizia

Vedi anche: Amore e Amicizia

 
 

Qui di seguito è possibile leggere una vasta raccolta di massime e riflessioni sul tema dell'amicizia, raccolta al cui completamento si aggiungono altre pagine dedicate a diversi suoi aspetti, come ad esempio al rapporto tra l'amore e l'amicizia, alla distinzione (a volte sottile) tra amico e nemico, e persino ai lati negativi dell'amicizia (vedi i link all'inizio e alla fine di questa pagina).

L'amicizia degli uomini è dolce nel suo caro nodo che stringe molte anime in una.
Agostino d'Ippona, Confessioni, 397-400

 

L'amicizia è la specifica forma di amore che ha, come suo oggetto, una persona che apprezziamo e che si comporta in modo eticamente corretto, perlomeno con noi.
Francesco Alberoni, L'amicizia, 1984

 

L'amicizia ama ciò che apprezza e apprezza ciò che ama.
ibid.

 

L'amicizia è, nella sua essenza, un rapporto fra due individui isolati, padroni di se stessi. Ed è un incontro fra uguali. Anche se le loro condizioni economiche e sociali sono diverse, essi possono essere amici solo se si incontrano come due sovrani indipendenti, di uguale potere e di pari dignità.
ibid.

 

Non c'è dubbio che una elevata disuguaglianza rende impossibile l'amicizia. Però molte disuguaglianze sono superabili se gli amici le mettono fra parentesi.
ibid.

 

Nell'amicizia avviene come per la purezza. Basta un inquinamento infinitesimo e la sostanza non è più pura.

ibid.

 

Quando l'amicizia si è incrinata noi possiamo cercare di salvarla, conservare un atteggiamento amichevole, far finta che non sia successo nulla, ma è inutile. L'amicizia ha una sostanza morale. Una volta persa la fiducia, è persa per sempre.
ibid.

 

L’amicizia perfetta è l’amicizia degli uomini buoni e simili per virtù: costoro, infatti, vogliono il bene l’uno dell’altro
Aristotele, Etica Nicomachea, IV sec. a.e.c.

 

L’amicizia di quelli che sono amici a causa dell’utilità si dissolve insieme con l’interesse che la suscita, giacché essi non sono amici l’uno dell’altro, ma del profitto.
ibid.

 

L’amicizia tra gli uomini buoni non può essere incrinata dalla calunnia, giacché non è facile prestar fede ad alcuno a proposito di un uomo che si è da se stessi per lungo tempo messo alla prova; è in questi uomini che si trova la fiducia, la disposizione a non farsi mai reciprocamente ingiustizia, e tutto quello che è considerato un valore nell’amicizia autentica.
ibid.

 

La distanza non fa cessare l’amicizia in senso assoluto, ma soltanto il suo effettivo esercizio. Ma se l’assenza dura nel tempo, essa, si ammette, fa dimenticare anche l’amicizia. Di qui il detto: "Molte amicizie ha fatto cessare l’impossibilità di parlarsi".
ibid.

 

L’amicizia è desiderabile per se stessa.
ibid.

 

L’amicizia sia più nell’amare che nell’essere amati.
ibid.

 

L’amicizia è una comunione, e il sentimento che si ha per sé stessi, si ha anche per l’amico.
ibid.

 

Amicizia. Raddoppia le gioie e divide le angosce a metà.
Francis Bacon, Saggi, 1597/1625
 
L’amicizia è un rapporto che si basa sulla simpatia e si costruisce su un sottinteso accordo di reciproco rispetto e di reciproca utilità. Nel momento in cui tale reciprocità si spezza, si spezza anche l’amicizia.
Vannuccio Barbaro, Scartafacci (postumo, 2012)
 
Amicizia. Una nave abbastanza grande per portare due persone quando si naviga in buone acque, ma riservata a una sola quando le acque si fanno difficili.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911
 
È questo il senso dell'amicizia: condividere i pregiudizi nati dall'esperienza.
Charles Bukowski, Taccuino di un vecchio sporcaccione, 1969
 
Vi sono amicizie morganatiche. O forse tute le amicizie sono tali.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001
 
L'amicizia può spianare la fronte della rude disperazione.
Richard Owen Cambridge, The Scribleriad, 1751

 

L'amicizia conduce normalmente a una idealizzazione dell'altro, ed è per questo che può prendere forma il tradimento, addirittura più doloroso di quello che subiamo dall'amante. Una delusione legata a un'amicizia vera può spezzare la vita di una persona, e del resto un'amicizia è più difficile da ricostituire di una relazione sentimentale.
Aldo Carotenuto, Amare tradire, 1991

 

L’amicizia delicata e vera non sopporta la mescolanza di alcun altro sentimento.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795/1953 (postumo)

 

L’amicizia estrema e delicata è spesso oltraggiata dalla piega di una rosa.
ibid.

 

Colui che maschera la tirannia, la protezione, o anche i favori, sotto l’aspetto e il nome dell’amicizia mi ricorda quel prete scellerato che avvelenava con l’ostia.
ibid.

 

Ho rinunciato all'amicizia di due uomini: il primo, perché non mi aveva mai parlato di sé; il secondo, perché non mi aveva mai parlato di me.
ibid.

 

Non sono l'acqua e il fuoco, come dicono, a esser utili in tante situazioni, è l'amicizia.
Marco Tullio Cicerone, Sull'amicizia, 44 a.e.c.
 
La prima legge dell’amicizia è di chiedere agli amici cose oneste, e di fare per gli amici cose oneste.
ibid.
 
L'amicizia comporta moltissimi e grandissimi vantaggi, ma ne presenta uno nettamente superiore agli altri: alimenta buone speranze che rischiarano il futuro e non permette all'animo di deprimersi e di abbattersi.
ibid.

 

L'amicizia conferisce più vivo splendore al successo e allevia il peso delle avversità, condividendole e partecipandovi.
ibid.

 

L'amicizia può sussistere solo tra persone virtuose.
ibid.

 

Se alcuni pensano che l'amicizia derivi dalla debolezza e dalla necessità di cercare qualcuno in grado di procurarci quel che ci manca, è perché attribuiscono all'amicizia, se così posso esprimermi, un'origine davvero bassa e ignobile, volendola figlia del bisogno e dell'indigenza. Se così fosse, quanto più uno si sentisse insicuro, tanto più sarebbe adatto all'amicizia. Ma la verità è un'altra! Infatti quanto più uno ha fiducia in sé, quanto più è armato di virtù e di saggezza, in modo da non avere bisogno di nessuno e da considerare ogni suo bene un fatto interiore, tanto più eccelle nel cercare e nel coltivare le amicizie.

ibid.

 

Si deve ricercare l'amicizia non nella speranza di un contraccambio, ma nella convinzione che il suo intero guadagno consista unicamente nell'amore.
ibid.

 

L'amicizia è un patto, una convenzione. Due esseri si impegnano tacitamente a non strombazzare quello che in realtà ciascuno pensa dell'altro. Una specie di alleanza a base di riguardi. Quando uno dei due manifesta pubblicamente i difetti dell'altro, il patto è denunciato, l'alleanza rotta. Nessuna amicizia dura se uno dei partner cessa di stare al gioco. In altri termini, nessuna amicizia tollera una dose esagerata di franchezza.
Emil Cioran, Squartamento, 1979
 
Quante persone ci vengono a trovare senza annunciarsi? Questo è un buon criterio per giudicare l'amicizia. E quante ci direbbero quali sono i nostri difetti? A quante facciamo regali inaspettati? Con chi possiamo rimanere in silenzio?
Cyril Connolly, La tomba inquieta, 1944
 
L'amicizia, in sé stessa un santo legame, è resa più sacra dall'avversità.
John Dryden, La cerva e la pantera, 1687
 
Di tutte le cose che la sapienza procura in vista della vita felice, il bene più grande è l'acquisto dell'amicizia.
Epicuro, Massime capitali, IV-III sec. a.e.c.
 
La medesima persuasione che ci incoraggiò a credere che nessun male è eterno o lungamente duraturo ci fa anche ritenere che la sicurezza più grande che si attui nelle cose finite è quella dell'amicizia.

ibid.

 

Ogni amicizia è desiderabile di per sé, anche se ha avuto il suo inizio dall’utilità.
Epicuro, Sentenze vaticane, IV-III sec. a.e.c.

 

L'amicizia è rara perché scomoda.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

 

L'amicizia è scomoda perché l'uomo è amico solo di se stesso.
ibid.

 

L'eccessiva confidenza rischia di trasformare l'amicizia in complicità.
ibid.

 

L'amicizia esige confidenza non meno che discrezione.
ibid.

 

L'amicizia passa. Lasciando pochi vuoti.
ibid.

 

L'amicizia, innanzitutto. Ma fino a un certo punto.
ibid.

 

L'amicizia, più che intimità, è rispetto.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

 

Il maggior piacere che ci procura 1'amicizia è quello di farci sentire indefettibilmente leali.
ibid.

 

È raro che la donna non cerchi di trasformare un'amicizia in relazione. Se non ci riesce, cercherà di farvi sentire colpevoli.
ibid.

 

L'amicizia fra uomo e donna ha questo di bello: non dura.
ibid.

 

Un'amicizia non è mai disinteressata perché anche l'altruismo è una forma di calcolo.
ibid.

 

Una vera amicizia presuppone una certa lontananza.
ibid.

 

Nell'amicizia per chi sta sopra di noi c'è sempre un po' d'invidia; in quella per chi sta sotto, sempre un po' di distacco.
ibid.

 

L'amicizia con l'ignorante è cosa non meno sciocca che il ragionare con un ubriaco.
Khalil Gibran, La voce del maestro, 1963 (postumo)

 

I doveri dell'amicizia ammettono una sola eccezione: quella di. non confidare all'amico i propri difetti, che, se fosse possibile, non dovrebbero esser confidati neppure a se stessi.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

 

In ogni amicizia c'è un segreto comune ignorato.
Carlo Gragnani, A conti (quasi) fatti, 1989

L'amicizia non ha bisogno di parole: è una solitudine liberata dall'angoscia della solitudine.
Dag Hammarskjöld, Tracce di cammino, 1963 (postumo)
 
A un uomo si domanda l'amicizia per ottenere un po' di meno; a una donna per ottenere un po' di più.
César François Adolphe d'Houdetot, Dieci spine per un fiore, 1853
 
Amicizia: il tacito accordo fra due nemici di voler collaborare per un bottino comune.
Elbert Hubbard
 
L'amicizia è un tacito accordo di portare i mali in due perché siano meno pesanti.
Alphonse Karr, Sotto i tigli, 1832
 
L'amicizia tra due persone di sesso diverso non è niente, o è amore.
Alphonse Karr (Fonte sconosciuta)

 

In amicizia non si può andare lontano se non si è disposti a perdonarsi reciprocamente i piccoli difetti.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688
 
L’amicizia può sussistere fra persone di sesso diverso, preservandosi anche da ogni grossolanità. Una donna tuttavia considera sempre un uomo come uomo; e reciprocamente un uomo considera una donna come donna. Questa relazione non è né passione, né pura amicizia: costituisce una categoria a parte.
ibid.
 
Nella pura amicizia c’è un piacere irraggiungibile per coloro che sono nati mediocri.
ibid.

 

Il massimo sforzo dell’amicizia non è quello di mostrare i nostri difetti a un amico, ma di fargli vedere i suoi.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

 

Dopo che l’eroismo è sparito dal mondo, e in vece v’è entrato l’universale egoismo, amicizia vera e capace di far sacrificare l’uno amico all’altro, in persone che ancora abbiano interessi e desideri, è ben difficilissimo. E perciò quantunque si sia sempre detto che l’uguaglianza è l’una delle più certe fautrici dell’amicizia, io trovo oggidì meno verisimile l’amicizia fra due giovani che fra un giovane, e un uomo di sentimento già disingannato del mondo, e disperato della sua propria felicità. Questo non avendo più desideri forti è capace assai più di un giovane d’unirsi ad uno che ancora ne abbia, e concepire vivo ed efficace interesse per lui, formando così un’amicizia reale e solida quando l’altro abbia anima da corrispondergli.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

 

Chi ha disperato di se stesso, o per qualunque ragione, si ama meno vivamente, è meno invidioso, odia meno i suoi simili, ed è quindi più suscettibile di amicizia per questa parte, o almeno in minor contraddizione con lei. Chi più si ama meno può amare.
ibid.

 

Eccetto l’esaltamento delle illusioni che favorisce assai l’amicizia de’ giovani, è certo, massime oggi che le grandi e belle illusioni non si trovano, che l’amicizia è più facile tra un vecchio o maturo, e un giovane, che tra giovane e giovane; tra due vecchi che tra due giovani; perché oggi, sparite le illusioni, e non trovandosi più la virtù ne’ giovani, i vecchi sono più a portata di amarsi meno, di essere stanchi dell’egoismo perché disingannati del mondo, e quindi di amare gli altri. Perciò è vero che la virtù, come predica Cicerone, de amicitia è il fondamento dell’amicizia, né può essere amicizia senza virtù, perché la virtù non è altro che il contrario dell’egoismo, principale ostacolo all’amicizia
ibid.

 

Il marchio della perfetta amicizia non è il fatto di essere pronti a prestare aiuto nel momento del bisogno, ma il fatto che, una volta dato questo aiuto, nulla cambia.
Clive Staples Lewis, I quattro amori, 1960

 

Chi copre la colpa si concilia l'amicizia, ma chi la divulga divide gli amici.
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V sec. a.e.c.  

 

L'amicizia è un contratto col quale ci impegniamo a rendere a qualcuno piccoli servigi perché ce li ricambi con dei grandi.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716-55 (postumo 1899-01)
 
Le donne possono stringere benissimo amicizia con un uomo; ma per poterla conservare – a tal fine deve ben aiutare una piccola antipatia fisica.
Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano, 1878
 
Spesso nei rapporti tra noi e un’altra persona il giusto equilibrio dell’amicizia ritorna, se poniamo qualche granello di torto nel nostro piatto della bilancia.
ibid.

 

La buona amicizia nasce quando si stima molto l'altro, cioè più di se stessi, quando del pari lo si ama, ma non tanto quanto sé, e quando infine, per facilitare i rapporti, si sa aggiungere la delicata sfumatura e lanugine dell'intimità, ma nello stesso tempo si evita saggiamente l'intimità vera e propria e la confusione fra il tu e l'io.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

 

I rovi coprono la strada dell’amicizia quando non ci si passa di frequente.
Antoine Rivarol, Massime, pensieri e paradossi, 1852 (postumo)

 

Se ci fosse dato per magia il potere di leggere nel pensiero altrui,
suppongo che la prima conseguenza sarebbe la fine di tutte le amicizie; la seconda, però, potrebbe essere eccellente, poiché un mondo senza amicizie apparirebbe a tutti intollerabile ed impareremmo così ad avere simpatia l'uno per l'altro, senza bisogno di celare a noi stessi, sotto il velo dell'illusione, che non ci giudicavamo reciprocamente assolutamente perfetti.
Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930
 
Volere e non volere le stesse cose, questa è la vera amicizia.
Gaio Sallustio Crispo, La congiura di Catilina, I sec. a.e.c.

 

La superiorità nei rapporti con gli uomini nasce soltanto dal non aver bisogno degli altri in alcuna maniera, e nel farlo vedere. Per questo motivo è consigliabile di far sentire di tanto in tanto a chiunque, sia uomo o donna, che si può fare a meno benissimo di lui: ciò rafforza l'amicizia, e nella maggior parte dei casi non costituirà un danno inserire ogni tanto un grano di disprezzo. Queste persone riporranno un valore tanto più grande nella nostra amicizia: "chi non stima vien stimato", dice un fine proverbio italiano.

Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

 

L'amicizia vera e autentica presuppone una partecipazione sentita, puramente oggettiva e pienamente disinteressata, alle gioie e ai dolori di un'altra persona, partecipazione che a sua volta si basa su di un vero identificarsi con l'amico. A tutto ciò l'egoismo della natura umana è tanto contrario, che la vera amicizia appartiene alle cose, di cui, come dei colossali serpenti marini, non si sa se siano leggendarie, oppure esistano da qualche parte. Tuttavia vi sono dei legami tra gli uomini, certo basati sostanzialmente su nascosti motivi egoistici della più disparata natura, che sotto varie forme posseggono tuttavia un grano di quella vera e autentica amicizia; essi vengono in tal modo cosi nobilitati, da poter ricevere con qualche giustificazione, in questo mondo di imperfezioni, il nome di amicizia.
ibid.

 

La lontananza e l'assenza prolungata danneggiano ogni amicizia, per quanto lo si ammetta così malvolentieri. Gli uomini che non vediamo più, anche nel caso fossero i nostri più cari amici. si disseccano, con il passare degli anni, poco per volta sino a diventare dei concetti, tanto che il nostro interesse per loro diventa sempre più semplicemente razionale, anzi tradizionale: la partecipazione viva e profondamente sentita rimane riservata a coloro che abbiamo dinanzi agli occhi, anche se sono semplicemente degli animali prediletti.
ibid.

 

L’amicizia vale più degli amici.
Jude Stéfan, Gnomiche, 1985

 

L'amicizia che finisce non è mai stata una vera amicizia; in essa almeno uno dei due è un credulone.
Nassim Nicholas Taleb, Il letto di Procuste, 2010

 

L’amicizia è giustificazione di un caso passato. “Ci si è incontrati”. Tale fatto diventa a poco a poco provvidenziale. Quel che, nato da un caso, riesce felicemente, beatifica tale caso, lo divinizza.
Paul Valéry, Mélange, 1939

 

L’amicizia è il matrimonio dell’anima, e per questo matrimonio vale il divorzio. È un contratto tacito tra due persone sensibili e virtuose. Dico sensibili, perché un monaco, un solitario può non essere malvagio e vivere senza conoscere l’amicizia. Dico virtuose, perché i malvagi hanno soltanto complici; i voluttuosi solo compagni di bagordi; gli avidi, soci; i politici riuniscono i faziosi; le persone sfaccendate hanno conoscenti; i principi, cortigiani; gli uomini virtuosi sono gli unici ad avere degli amici.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

 

Tra uomini e donne l'amicizia è impossibile. Ci può essere passione, ostilità, riverenza, amore, ma non amicizia.
Oscar Wilde, Il ventaglio di lady Windermere, 1892

 

Proverbi

Amicizia e maccheroni se non son caldi non son buoni.
 
Amicizia riconciliata è una piaga mal sanata.
 
Amicizia rinnovata e minestra riscaldata non valgon niente.
 
Conti spessi e amicizia lunga.
 
Dalle grandi amicizie nascono le grandi inimicizie.
 
Denari e amicizia spezzano il collo alla giustizia.
 
Dove comincia la diffidenza, là cessa l'amicizia.
 
Generoso in cortesia e avaro in amicizia.
 
I piccoli doni tengono viva l'amicizia.
 
Il mio e il tuo sono i confini dell’amicizia.
 
Il rispetto è il legame dell'amicizia.
 
Il sospetto è il veleno dell'amicizia.
 
L'amicizia oltraggiata è perduta per sempre.
 
La pianta dell’amicizia va annaffiata spesso.
 
La riconoscenza conserva l’amicizia.
 
La sincerità è il sacramento dell'amicizia.
 
Le visite rare accrescono l'amicizia.
 
Nessuna amicizia dura cent’anni.
 
Patti chiari e amicizia lunga.
 
Quando la superbia sale, l'amicizia scende.
 
Se si vuol che l'amicizia si mantenga, bisogna che una borsa vada e l'altra venga.
 
Vale più un’oncia d’amicizia che una libbra di parentela.

Vecchia amicizia presto rinverdisce.

Libro consigliato

L'amiciziaL'amicizia
Testo latino a fronte
Autore M. Tullio Cicerone
Curatore E. Narducci
Traduttore C. Saggio
Editore BUR Bibl. Univ. Rizzoli, 2013

A Roma l'amicizia era anche un'arma politica, non solo un sentimento basato sulla simpatia reciproca. Il "De amicitia" è il tentativo di Cicerone di superare questo concetto utilitaristico per riscoprire un'amicizia fine a sé stessa, fondata sulla "virtus" e quindi ancorata a valori etici e personali.

Leggi anche frasi su questi argomenti:

Amico - Amici e nemici - Contro l'amicizia

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su