Aforismario 

 

Benessere

Vedi anche: Salute

 

1. Benessere psicofisico

Fare del bene agli altri migliora il nostro stato fisico ed emotivo. Tutti coloro che si dedicano ad opere umanitarie verso chi ha bisogno sono, infatti, più sani, più felici, non abusano di alcol, di fumo e di droghe, non litigano, non sono invidiosi e provano una sensazione di benessere definita euforia del buon samaritano.
Romano Battaglia, Foglie, 2009

 

L'anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci: soprattutto perché provi un senso di benessere, quando gli sei vicino.

Charles Bukowski, Storie di ordinaria follia, 1972

 

Le vere leggi di Dio sono le leggi del nostro benessere.

Samuel Butler, Taccuini, 1912 (postumo)

 

Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'animo nostro.
Epicuro, Lettera a Meneceo, IV-III sec. a.e.c.

 

Il primo sintomo di molte malattie è l'apparente benessere.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

 

Si moltiplicano i centri benessere, piuttosto cari. Come se il benessere si facesse comprare.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

 

Irrita la constatazione che benessere e civiltà sono interdipendenti.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

 

Ci sono giornate in cui l’unico momento di benessere finisce per essere una scoreggia. Certo, al momento può sembrare sordido... ma se ci si mette dal punto di vista ottimista si constata che il più disgraziato degli uomini può avere almeno un istante di benessere al giorno.

Jean-Marc Reiser, in Gino & Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, 1995

 

Quelli che non hanno veramente sofferto ignorano il benessere del tollerabile.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

 

Per il nostro benessere la salute è l'essenziale e dopo di essa vengono i mezzi per il nostro sostentamento, l'avere cioè di che vivere senza preoccupazioni. Onore, fama, posizione, gloria, tutto ciò insomma, per quanto valore possano riporvi molti, non è in grado di competere né di sostituire quei beni essenziali.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

 

Se si vuole valutare la situazione dell'uomo per quanto riguarda la felicità, non si dovrà cercare ciò che gli dà piacere, ma ciò che lo conturba: quanto più irrilevante è infatti quest'ultimo elemento, preso in sé stesso, tanto più felice è l'uomo. Uno stato di benessere è ciò che rende sensibili alle piccolezze, che per contro non sono affatto da noi sentite nell'infelicità.

ibid.

 

Per il benessere dell'uomo, anzi per tutto quanto l'atteggiamento della sua esistenza, l'essenziale è ciò che sta o si svolge in lui stesso. Qui per l'appunto risiede immediatamente la sua intima contentezza o scontentezza, che costituisce il risultato principale dei suoi sentimenti, della sua volontà e del suo pensiero. Tutto ciò che è posto all'esterno ha invece al riguardo un influsso soltanto mediato.
ibid.

 

Il benessere che si prova stando immersi nella natura deriverebbe, secondo Nietzsche, dal fatto che la natura non ha alcuna opinione su di noi, essa, cioè, non ci giudica. Un altro motivo potrebbe essere che alla natura non dobbiamo alcuna spiegazione, né di ciò che siamo né di ciò che facciamo.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

2. Benessere economico e sociale

Le società prospere sono di gran lunga più fragili delle altre: infatti non rimane loro da aspettare altro che il proprio crollo, dato che il benessere, quando lo si possiede, non è un ideale, e lo è ancora meno quando se ne gode da generazioni. Senza contare che la natura non lo ha incluso nei suoi calcoli, e che non può farlo senza perire.

Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

 

Viviamo nel benessere e spesso di benessere moriamo. Mangiamo ogni giorno della settimana come re e regine al banchetto, e finiamo per lasciarci la vita.

T. Colin Campbell, The China Study, 2005

 

Chiamano benessere gli inferni autostradali, gli squallidi ipermercati, le solitudini urbane, le avidità forsennate... 

Carlo Dante, Aforismi, 2007

 

La civiltà del benessere porta con sé proprio l'infelicità.

Ennio Flaiano, Appunti, 1950/72 (postumo in Diario degli errori)

 

Il benessere è il passaggio dalla povertà alla scontentezza.

Helmar Nahr (Fonte sconosciuta)

 

Non credere che la felicità dell’uomo possa dipendere dal benessere materiale. La soddisfazione che deriva dai beni esterni manca di una solida base: ogni gioia che viene dal di fuori se ne andrà ma quella che l’uomo trae dal proprio intimo è sicura e salda; essa cresce e ci accompagna fino alla morte.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

 

A quale grado di viziosità e infrollimento l’eccessivo benessere abbia ridotto i cittadini delle società piú avanzate, si può dedurre da ciò che la maggior parte di essi considera sacrificio in caso di crisi economica di non grave entità: mancato acquisto dell’auto nuova, diminuzione dei giorni di vacanza, rinvio di un viaggio, limitazione degli svaghi, e via di questo passo. Il tutto si riduce, cioè, al mantenimento di uno stile di vita che per i ceti meno abbienti equivarrebbe a una condizione di lusso spropositato, mentre per le popolazioni davvero povere – senza arrivare a parlare di Terzo Mondo – sarebbe una specie di paradiso in terra.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

Invidia e vanità sono le radici del benessere sociale.

Italo Tavolato, Frammenti, 1913

Promuovi il tuo libro qui!

Hai scritto un libro sul benessere? promuovilo su questa pagina!

*****

Leggi anche frasi su questi argomenti:

Massaggio - Salutare - Serenità

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su