Aforismario 

 

Città

Vedi anche: Cittadini

 

L’uomo ama talmente l’uomo che, quando fugge la città, è ancora per cercare la folla, cioè per rifare la città in campagna.

Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859-66 (postumo, 1887-1908)

 

Per recuperare l'urbanesimo come il terreno adatto all'associazionismo, alla cultura, alla comunità, la megalopoli deve essere distrutta senza pietà, e sostituita da nuove comunità decentrate, ognuna inserita con cura nell'ecosistema di cui fa parte.
Murray Bookchin, I limiti della città, 1973

 

Città s'addimanda una radunanza d'uomini per vivere insieme felicemente. E grandezza di città si chiama non lo spazio del sito o il giro delle mura ma la fortuna degli abitanti e la potenza loro.

Giovanni Botero, Delle cause della grandezza e magnificenza delle città, 1588

 

Ogni città riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone.

Italo Calvino, Le città invisibili, 1972

 

Le città come i sogni sono costruite di desideri e di paure.

Italo Calvino, Le città invisibili, 1972

 

D'una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.

Italo Calvino, Le città invisibili, 1972

 

Esistono certi posti così nella città, tanto stupidamente brutti che ci stai quasi sempre da solo.

Louis-Ferdinand Céline, Viaggio al termine della notte, 1932

 

La città non crolla perché c'è l'analgesico, il liquida-ansia, lo psicofarmaco, il sonnifero, il sedativo, non crolla perché tenuta su ormai dalla verminaia rodente delle tossicomanie lecite e illecite.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

 

Un'assuefazione perfetta alla vita urbana odierna è segno di gravissimo squilibrio. È sano soltanto chi ne soffre.

Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

 

Uscire dalla città, a piedi, è faticosissimo. T'investe la lava bollente del brutto, del rumore, strade sopra strade, tremendi ponti di ferro, treni, camion, Tir, corsie con sbarramenti, impraticabili autostrade, un vero teatro di guerra.

Guido Ceronetti, Viaggio in Italia, 1983

 

Una città non vale più di un giardino di rose.

José Santos Chocano, La città di ferro

 

Le città dovrebbero essere costruite in campagna; l’aria lì è più salubre.

Jean Louis Auguste Commerson, Pensieri di un imballatore, 1851

 

Nessuna città dovrebbe essere tanto grande che un uomo una mattina non possa uscirne camminando.
Cyril Connolly, La tomba inquieta, 1944

 

Dio creò il primo giardino e Caino la prima città.
Abraham Cowley, Il giardino, 1668

 

Dio ha fatto la campagna e l'uomo ha fatto la città.

William Cowper, The Task, 1785

 

La città consente di vedere senza essere visti e di essere visti senza vedere.

Serge Daney, Cités Cinés, 1987

 

Nessuna città rivela la sua bellezza quando il suo torrente diurno l'attraversa. L'assenza dell'uomo è la condizione ultima della perfezione di tutte le cose.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

 

Se i pessimisti profetizzano un futuro di macerie, i profeti ottimisti sono ancor più raccapriccianti quando annunciano la città futura in cui viltà e tedio dimoreranno in alveari intatti.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

 

L'anonimato della città moderna è tanto insopportabile quanto la familiarità delle odierne relazioni sociali. La vita deve essere come un salotto di gente bene educata, dove tutti si conoscono ma nessuno si abbraccia.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

 

Anche le città hanno un piano metafisico. Dal centro, che rimane storicamente se stesso, si irradiano le linee di sviluppo, ossia le strade, che potrebbero avanzare all'infinito e invece trovano alla fine il loro limite come aspirazione a tornare al centro.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

 

Le città al pari delle foreste, hanno antri in cui si nasconde tutto ciò che esse hanno di più cattivo e di più terribile. Solo che, nella città, ciò che si nasconde così è feroce, immondo e misero, cioè brutto; nelle foreste, ciò che si nasconde è feroce, selvaggio e grande, cioè bello.

Victor Hugo, I miserabili, 1862

 

Togliete le passioni, l’interesse, l’ingiustizia, che tranquillità nelle maggiori città! I bisogni e l’essenziale non vi cagionano neppure un terzo del tumulto.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

 

Le innaturali concentrazioni metropolitane non colmano alcun vuoto, anzi lo accentuano. L'uomo che vive in gabbie di cemento, in affollatissime arnie, in asfittiche caserme è un uomo condannato alla solitudine.

Eugenio Montale, Trentadue variazioni, 1973

 

Nelle città in cui siamo di passaggio non ci preoccupiamo della stima degli altri. Ma se ci dobbiamo abitare per un po' di tempo allora ci preoccupiamo. Quanto tempo? Un tempo proporzionato alla nostra vana e fragile esistenza.

Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

 

I sentimentali parlino pure di contatto con la terra e della matura saggezza dei contadini [...]; ma l'unico desiderio di qualsiasi ragazzo di campagna è di trovare lavoro in città, dove può sfuggire alla schiavitù del vento e delle intemperie e alla solitudine delle buie sere invernali, per vivere nell'atmosfera fidata e umana dello stabilimento e del cinematografo. Cameratismo e collaborazione sono elementi essenziali per la felicità dell'uomo, e tali elementi si trovano molto più completamente nell'industria che non nell'agricoltura.
Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930

 

Il marinaio è felice in mezzo al mare perché sa che al di là dell’orizzonte c’è la città.

Luigi Snozzi, in Pierre-Alain Croset, Luigi Snozzi, Progetti e architetture 1957-1984, 1984

 

Una città è come un animale. Possiede un sistema nervoso, una testa, delle spalle e dei piedi. Ogni città differisce da tutte le altre: non ce ne sono due uguali.

John Steinbeck, La perla, 1947

 

Le città portano le stigmate del passare del tempo, occasionalmente le promesse delle epoche future.

Marguerite Yourcenar (Fonte sconosciuta)

 

Proverbi

 

Chi va in città quel che vede fare fa.

 

Grande città, grande solitudine.

 

Milano la grande, Venezia la ricca, Bologna la grassa, Firenze la bella, Padova la dotta, Ravenna l’antica, Roma la santa.

 

Napoli vanta in prima i maccheroni, Roma i prosciutti e le giuncate in maggio, Milano i cervellati ed i capponi, Firenze ha d’ogni buono un piccol saggio. Torino sa condir qualunque erbaggio; Genova manda paste e bei limoni; Casal da’ suoi tartufi ha gran vantaggio; Ferrara si sostenta co’ storioni. Parma del cacio suo fa tomi in foglio; Modena in coppe poi non ha sorella; Nizza pretende maggioranza in oglio; Bologna è la maestra in mortadella; Venezia è la regina a far rosoglio; Novara a cucinar riso in padella.

Metropoli - Paese

Vedi anche citazioni sulle seguenti città:

 Milano - Napoli - Roma - Torino - Venezia

 Londra - Parigi

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su