Aforismario 

 

Compagnia

Vedi anche: Amicizia - Gruppo - Rapporti umani

 

Si è fatto un grandissimo passo verso la saggezza quando non si ha più bisogno di compagnia la sera.

Jules-Amédée Barbey d'Aurevilly, Disjecta membra, 1925 (postumo)

 

Non amo la compagnia degli imbecilli né dei geni: i primi mi danno fastidio; i secondi, ombra.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

 

Della migliore compagnia si è detto: la sua conversazione è istruttiva, il suo silenzio formativo.

Johann Wolfgang Goethe

 

Le compagnie più piacevoli sono quelle nelle quali regna, tra i componenti, un sereno rispetto reciproco.

Johann Wolfgang Goethe, Le affinità elettive, 1809

 

Difficilmente si sta in una compagnia numerosa, senza pensare che il caso che ha raccolto tante persone, non debba ricondurci anche i nostri amici.

Johann Wolfgang Goethe, Le affinità elettive, 1809

 

Quando ci troviamo in folta compagnia è difficile non pensare che il caso, che mette insieme tanta gente, finirà col ricondurci anche i nostri amici.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

 

Un compagno allegro è una carrozza in un viaggio a piedi.

Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

 

In qualunque compagnia tu ti metta, sempre rischierai di trovarti in cattiva compagnia.

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

Se la miglior compagnia è quella dalla quale noi partiamo più soddisfatti di noi medesimi, segue ch'ella è appresso a poco quella che noi lasciamo più annoiata.

Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

 

L'uomo ama la compagnia, anche se è soltanto quella di una candela che fuma.

Georg Lichtenberg, Aforismi, 1766/99 (postumo 1902/08)

 

È dicono el vero quelli che dicono che le cattive compagnie conducono li uomini alle forche.

Niccolò Machiavelli

 

L'indipendenza economica consente l'inestimabile lusso di scegliersi le compagnie da evitare.

Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

 

Perché dopo essere stati in compagnie ordinarie proviamo rimorsi? Perché abbiamo preso alla leggera cose importanti, perché nel discorrere di persone non abbiamo parlato con piena buona fede o perché abbiamo taciuto dove avremmo dovuto parlare, perché all’occasione non siamo balzati in piedi e non siamo andati via, insomma, perché nella compagnia ci siamo comportati come se le fossimo appartenuti.

Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano, 1878

 

Non c’è compagnia che a lungo andare non diventi cattiva.

Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

 

Si preferisce la cattiva compagnia alla solitudine e qualunque cosa alla compagnia di sé stessi.

Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

 

Triste condizione quella di chi è sempre in cerca di compagnia soltanto perché il suo timore della solitudine è più forte della sua avversione per gli altri.

Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

 

Quando si sta in compagnia dei buoni libri, è facile si possa arrivare a pensare che questa, in fondo, sia preferibile alla compagnia delle persone in carne e ossa. Quando poi ci si ritrova in mezzo agli altri, capita spesso di averne la certezza.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

La prova per accertare se un libro ti è piaciuto davvero è se lo hai riletto (e quante volte); la prova per stabilire se hai gradito davvero la compagnia di una persona è se sei pronto a vederla ancora e ancora: tutto il resto è fumo, o quella varietà di sentimento che oggi siamo soliti chiamare autostima.

Nassim Nicholas Taleb, Il letto di Procuste, 2010

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su