Aforismario 

 

Critica

Vedi anche: Critico

 

Non preoccuparti della critica. Se non è vera, ignorala; se è ingiusta evita di irritarti; se è ignorante, sorridi; se è giustificata, impara da essa.

Anonimo

 

La critica è una spazzola che non si può usare sulle stoffe leggere, dove porterebbe via tutto.

Honoré de Balzac, Le illusioni perdute, 1843

 

La critica striscia e la creazione vola.

Gian Piero Bona, Passeggiata con il diavolo, 1983

 

Abbandonate la piccola e facile critica dei difetti per la grande e difficile critica delle bellezze.

François-René de Chateaubriand, Scritti letterari, 1834

 

La critica è un fucile molto bello: deve sparare raramente!

Benedetto Croce (Fonte sconosciuta - cit. in Gino Doria, Venticinque aneddoti crociani, 1936).

 

Il malumore è il padre della critica letteraria; l'ammirazione è solo la sua madrina.

Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

 

È facile criticare giustamente; e difficile eseguire anche mediocremente.

Denis Diderot, Discorsi sulla poesia drammatica, 1758

 

Oggi la critica è l'arte di cui abbiamo più bisogno.

William Gaddis, Le perizie, 1955

 

La critica è indulgente coi corvi e si accanisce con le colombe.
Decimo Giunio Giovenale, Satire, II sec.

 

Chi può fare e fa, non ha né tempo né voglia di troppo criticare ciò che fanno gli altri.

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

I novantanove centesimi della critica che si fa tra gli uomini non nasce già dall'amore del vero, ma da presunzione, arroganza, acrimonia, litigiosità, astio gelosia.

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

La critica è, di regola, l'arte di acquistar credito e autorità alle proprio preferenze.

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

Quand'ebbe creato il mondo, il Padre Eterno lo giudicò, dicendolo buono; lo che prova che la critica è coeva della creazione.

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

Criticare è valutare, impadronirsi, prendere possesso intellettuale, insomma stabilire un rapporto con la cosa criticata e farla propria.
Henry James, Le prefazioni, 1907-1909

 

Meglio essere attaccato che passare inosservato. Perché la peggiore cosa che si possa fare a uno scrittore è non parlare delle sue opere.

Samuel Johnson, in James Boswell, Vita di Samuel Johnson, 1791 (postumo)

 

Spesso la critica non è una scienza; è un mestiere in cui occorre più salute che intelletto, più fatica che capacità, più abitudine che genialità. Se proviene da un uomo che abbia meno discernimento che lettura, e si esercita su taluni argomenti, corrompe sia i lettori sia lo scrittore.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

 

La critica è un'imposta che l'invidia percepisce sul merito.

Pierre-Marc-Gaston de Lévis, Massime e riflessioni, 1808

 

Tra le maggiori scoperte fatte negli ultimi tempi dall'intelligenza umana va annoverata, a mio parere, l'arte di giudicare i libri senza averli letti.

Georg Lichtenberg, Aforismi, 1766/99 (postumo 1902/08)

 

La critica non ha mai rivelato un grande scrittore o autore drammatico ai suoi primi passi e ha sempre soltanto cercato di demolirlo quando lo vedeva circondato dal favore del pubblico. Salvo poi a prostituirsi in salamelecchi ufficiali quando lo scrittore era ormai una gloria certa.
Mario Mariani, Per l'ultima volta, 1922

 

La gente ti chiede una critica, ma in realtà vuole soltanto una lode.

William Somerset Maugham, Schiavo d'amore, 1915

 

Ci sono due specie di critiche, l'una che s'ingegna più di scorgere i difetti, l'altra di rivelar le bellezze. A me piace più la seconda che nasce da amore, e vuol destare amore che è padre dell'arte; mentre l'altra mi pare che somigli a superbia, e sotto colore di cercare la verità distrugge tutto, e lascia l'anima sterile.
Luigi Settembrini, Lezioni di letteratura italiana, 1866/72

 

Quando qualcuno esprime un'opinione, bisogna saperla accettare con gratitudine anche se non sembra utile. Solo a questa condizione costui vi farà partecipi di ciò che ha sentito di voi. È bene fare e accettare critiche in modo amichevole.

Yamamoto Tsunetomo, Hagakure, 1709-1716 (postumo 1906)

 

Dove comincia la critica cessa la creatività, così come quando si fanno troppi inventari vuol dire che la produzione ristagna.

Anacleto Verrecchia, Rapsodia viennese, 2003

 

Un’epoca che non possiede critica è anche un’epoca in cui l’Arte è immobile, ieratica, e confinata alla riproduzione di tipi formali, o un’epoca che non possiede Arte del tutto.

Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

 

Non si è mai data un’epoca creativa che non sia stata anche critica. Poiché è la facoltà critica che inventa forme nuove. La tendenza della creazione è quella di ripetersi.

Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

 

La critica è in sé stessa un’arte.

Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

 

Come la creazione artistica implica il lavoro della facoltà critica, tanto che senza di essa non si può dire neppure che esista, così la critica è creativa nel più alto senso della parola.

Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

 

La critica è più facile dell'arte.

Zeusi, in Plinio il Vecchio, Storia naturale, I sec.

 

Autocritica

Quando le donne fanno autocritica, scoprono la bellezza dei difetti.
Valeriu Butulescu, Aforismi, 2002

 

L'autocritica è credibile solo se poggia su qualcosa di inequivocabilmente reale: su una cattiva azione che abbiamo commesso davvero, su intenzioni abiette, su un fallimento, su una disgrazia che abbiamo provocato o che avremmo potuto impedire.
Elias Canetti, Un regno di matite, 1996

 

L'autocritica è un mezzo di superare se stessi. L'artista che non analizza e non distrugge continuamente la sua tecnica è un poveretto
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

 

Gli eroi sono più inclini all'autocitazione che all'autocritica.
Peter Schneider, Dopo il Muro, 1992

 

L'autocritica ci è necessaria come l'aria
Stalin, Rapporto all'Assemblea dell'attivo dell'organizzazione di Mosca, 1928

 

Io sono nauseato di me, odioso a me stesso; provo ribrezzo e schifo di me stesso, mi sento un essere abominevole, ossia io per me non sono mai abbastanza, non faccio mai abbastanza. Da questi sentimenti nasce l'autodistruzione e l'autocritica. La religiosità comincia col rinnegamento di sé e si conclude con il compimento della critica.
Max Stirner, L'unico e la sua proprietà, 1844

Giudizio - Giudizio degli altri - Giudicare
Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su