Depressione 

 

Depressione

Aforismi e citazioni - Aforismario

 

Vedi anche: Disperazione - Malinconia - Tristezza

 

 


Il depresso è uno che non riuscendo a porre freno alla propria infelicità ne rimane a lungo sopraffatto.

Vannuccio Barbaro, Scartafacci (postumo, 2012)

 

Soffrire di depressione vuol dire non desiderare più nulla, non avere la forza di cambiare. Ci sentiamo soli anche in mezzo agli altri, che spesso non comprendono la nostra sofferenza. Siamo incapaci di amare e nello stesso tempo abbiamo un disperato bisogno di affetto.

Romano Battaglia, Incanto, 2008

 

Depressione. Particolare condizione di spirito provocata da una barzelletta sul giornale, uno spettacolo comico o la contemplazione del successo altrui.

Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

 

A volte, se sei depresso, non vorresti fare niente. Tutto quel che vuoi fare è appoggiare la testa al braccio, e guardare nel vuoto. A volte puoi andare avanti così per ore. Se sei eccezionalmente depresso, devi perfino cambiare braccio.

Charlie Brown, in Charles M. Schulz, Peanuts, 1950/2000

 

Un po' di oscenità aiuta a vincere la depressione. Certe risate, provocate da vecchie storie che le donne si raccontano, rimescolano la libido, riattizzano il fuoco dell'interesse alla vita.

Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi, 1992/96

 

La depressione colpisce a caso: si tratta di una malattia, non di uno stato d'animo.
Tahar Ben Jelloun, L'albergo dei poveri, 1997

 

La depressione è il novembre dell'anima, il dicembre del desiderio.
Philippe Labro, Tomber sept fois, se relever huit, 2003

 

La nostra società detta dei consumi è il più grande depressivo che esista. Robot, non ce ne rendiamo sempre conto. Non ne abbiamo il tempo.
Wilfrid Lemoine, Le Déroulement, 1976

 

Ecco più o meno a che punto siamo. Una sorta di bivio, di incrocio dei cammini fra l'idiozia e la depressione, fra un avvenire di imbecilli felici o di intellettuali depressi.

Georges Minois, Storia del mal di vivere, 2003

 

La società edonistica e umoristica moderna contribuisce a mettere in evidenza il depresso, a additarlo con aria di rimprovero come elemento di disturbo nell'atmosfera di gioia convenzionale e superficiale. Nell'era della contraddizione, dell'atteggiamento cool e soft, del dinamismo motivato, della comunicazione senza complessi, il depresso si nota e si colpevolizza. Egli ha tutto per essere felice; se non lo è, non può che essere colpa sua.

Georges Minois, Storia del mal di vivere, 2003

 

Niente di peggio che soffrire di depressione in pieno autunno. L'autunno è una circostanza aggravante.

Diane Meur, Raptus, 2004

 

La depressione è una malattia democratica: colpisce tutti.
Indro Montanelli (Fonte sconosciuta)

 

Ci sono troppo pochi uomini al mondo. In giro si muore di depressione eterosessuale.

Lorrie Moore, Anagrammi, 1986

 

Ci sono casi, casi patologici per così dire di depressione spirituale, in cui la lettura può diventare una specie di disciplina terapeutica ed essere demandata e ripetutamente sollecitata a reintrodurre perpetuamente una coscienza pigra nella sua vita spirituale. In questi casi i libri assumono un ruolo analogo a quello degli psicoterapeuti con certi nevrotici.

Marcel Proust, Del piacere di leggere, 1905

 

La vita è la morte del depresso.

Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

 

I migliori rimedi contro la depressione sono le buone azioni e dei bagni caldi.
Dodie Smith, Ho un castello nel cuore, 1948

 

Recessione è quando il tuo vicino perde il posto; depressione è quando lo perdi tu.

Harry Truman, su The Observer, 1958

 

La persona che ha una così detta "depressione psicotica" e cerca di uccidersi non lo fa aperte le virgolette "per sfiducia" o per qualche altra convinzione astratta che il dare e avere nella vita non sono in pari. E sicuramente non lo fa perché improvvisamente la morte comincia a sembrarle attraente. La persona in cui l'invisibile agonia della Cosa raggiunge un livello insopportabile si ucciderà proprio come una persona intrappolata si butterà da un palazzo in fiamme.

David Foster Wallace, Infinite Jest, 1996

 


   

 

I volti della depressioneI volti della depressione 

Abbandonare il ruolo della vittima: curarsi con la psicoterapia in tempi brevi
Emanuela Muriana; Laura Pettenò; Tiziana Verbitz
Editore Ponte alle Grazie, 2006

 

Depressione: parola molto usata nel nostro secolo e nello scorso per descrivere quella che viene considerata una malattia, diagnosticata con incredibile frequenza anche quando il "malato" è affetto da altre patologie o da problemi, che possono produrre reazioni depressive. L'intervento clinico, per sbloccare il meccanismo depressivo, si focalizza sulla relazione che i pazienti intrattengono con se stessi, con gli altri e con il mondo; in altre parole sulla modalità stessa che li ha portati ad assumere la posizione di vittima. La depressione non è quindi vista come una malattia, ma come una sofferenza, effetto di disagi diversi, che si manifesta con molte facce, tutte accomunate da uno stesso atteggiamento: la rinuncia.

 

internet bookshop Cerca libri, ebook o dvd sulla depressione su internet bookshop

Vedi anche: Frasi contro Depressione

 

 

 

Aforismario Home Page - Diventa fan di aforismario su facebook

Citazioni per autore - Citazioni per argomento

Avvertenze - Contatti - Torna su