Aforismario 

 

Invidia

Vedi anche: Gelosia

 

L'invidia ha gli occhi e la fortuna è cieca.

Corrado Alvaro, Gente in Aspromonte, 1930

 

Come la ruggine consuma il ferro, così la invidia consuma gli invidiosi.
Piovano Arlotto, Motti e facezie del Piovano Arlotto, ca. 1480 (postumo 1514/15)

 

L'invidia è una confessione d'inferiorità.

Honoré de Balzac, Massime e pensieri di Napoleone, 1838 

 

L'invidia del cretino per l'uomo brillante trova sempre qualche consolazione nell'idea che l'uomo brillante farà una brutta fine.

Max Beerbohm, Zuleika Dobson, 1911

 

Congratulazione. La veste elegante dell'invidia.

Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

 

Invidioso non è tanto chi soffre che altri abbia qualcosa che lui non ha, quanto chi soffre che altri abbia ciò che lui ha.
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

 

Il successo degli invidiosi è l'insuccesso degli altri.

Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

 

Dove regna l'invidia non può vivere la virtù, né dove sta la miseria può aver luogo la liberalità. 

Miguel de Cervantes, Don Chisciotte della Mancia, 1605/15

 

Invidia, radice d'infiniti mali e tarlo delle virtù! Tutti i vizi seco si traggono.

Miguel de Cervantes, Don Chisciotte della Mancia, 1605/15

 

Quanto più la cosa da un uom posseduta suscita nelli altri l'invidia e la brama, tanto più l'uomo ne gode e n'è superbo.

Gabriele D'Annunzio, Il piacere, 1889

 

Gli uomini non conoscono la propria felicità, ma quella degli altri non gli sfugge mai.

Pierre Daninos, Un certo signor Blot, 1960

 

L'invidioso è solito domandare con malizia a che cosa serva il denaro al ricco, dimenticando che gli serve quantomeno perché lo invidi l'invidioso.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

 

L'unico antidoto all'invidia, negli animi volgari, è la vanità di credere di non aver nulla da invidiare.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

 

Non è felice l'uomo che nessuno invidia.

Eschilo, Orestea, 458 a.e.c.

 

Non c'è nessuno che meriti la tua invidia.
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

 

A differenza della lussuria, della superbia, della gola, l'invidia è forse l'unico vizio che non dà piacere.

Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

 

Tra invidia e superbia c'è una sottile parentela dovuta al fatto che il superbo, se da un lato tende a superare gli altri, quando a sua volta viene superato non si rassegna, e l'effetto di questa non rassegnazione è l'invidia.

Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

 

L'invidia è una specie di lode.

John Gay, Favole, 1727

 

L'invidioso mi loda senza saperlo.
Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

 

Il silenzio dell'invidioso fa molto rumore.

Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

 

L'invidioso non muore mai una volta sola, ma tante volte quante l'invidiato vive salutato dal plauso della gente.

Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

 

Che cosa è l'uomo che invidia l'altro uomo, se non una miseria che invidia un'altra miseria?

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

Quanto più lo spirito si allarga, e tanto meno posto vi possono trovare l'odio e l'invidia.

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

L'invidia somiglia molto all'amore: essere invidiato è quasi essere amato.

César François Adolphe d'Houdetot, Dieci spine per un fiore, 1853

 

L'invidia è una buona stoffa per confezionare una spia.
Victor Hugo, L'uomo che ride, 1869

 

Un io feroce: ecco l'invidioso.

Victor Hugo, L'uomo che ride, 1869

 

La spia va a caccia per conto d'altri, come il cane; l'invidioso va a caccia per conto proprio, come il gatto.
Victor Hugo, L'uomo che ride, 1869

 

Soltanto coloro che operano bene meriterebbero di essere invidiati, se non vi fosse un’alternativa ancora migliore da scegliere, cioè di far meglio: è questa una dolce vendetta su quanti destano in noi tale invidia.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

 

Spesso si fa pompa delle passioni più delittuose; ma l'invidia è una passione timida e vergognosa che non si osa confessare.

François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

 

L'invidia è più irreconciliabile dell'odio.

ibid.

 

La nostra invidia dura sempre più a lungo della felicità di coloro che invidiamo.

ibid.

 

È indizio di merito straordinario vedere che coloro che più lo invidiano sono costretti a lodarlo.

ibid.

 

Il segno più sicuro che si è nati con grandi qualità è l'essere nati senza invidia.

ibid.

 

Assieme alla lussuria, la gola è il vizio più confessabile. Nessuno si vanterà pubblicamente di essere invidioso, avaro, tracotante, iracondo, negligente. Ma nessuno si vergognerà di dire che va matto per le profiteroles.

Cesare Marchi, Quando siamo a tavola, 1990

 

L'invidia soffre per la buona fortuna del prossimo, e non potendo godere, per insufficienza propria, dei propri successi, gode malignamente degli insuccessi altrui.

Cesare Marchi, Quando siamo a tavola, 1990

 

Più il tempo passa, più gente conosciamo e più rimane la convinzione che, se potessimo sostenere la spesa di quei quattro minuti da spartire per raccontarci con tutti quelli che incontriamo gli incubi della nostra infanzia e gli affanni dell'oggi e i progetti dell'avvenire, tenendoci per mano davanti al baratro che ci attende alla fine, l'invidia, che è il vero male di questo mondo, fuggirebbe per sempre.
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

 

Se a ciascun l'interno affanno/ Si leggesse in fronte scritto/ Quanti mai, che invidia fanno/ Ci farebbero pietà!
Pietro Metastasio, Giuseppe Riconosciuto, 1733

 

L'invidia è come una palla di gomma che più la spingi sotto e più ti torna a galla.

Alberto Moravia, Nuovi racconti romani, 1959

 

L'invidia è un sentimento che divora chi lo nutre.

Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

 

L’invidia comune suole strepitare non appena la gallina invidiata ha deposto un uovo, essa in tal modo si sfoga e diventa più mite. Ma c’è un’altra invidia ancora più profonda: essa si fa in tal caso silenziosa come una tomba e, desiderando che ora ogni bocca venga sigillata, diviene sempre più furiosa per il fatto che proprio questo non avvenga. L’invidia silenziosa cresce nel silenzio.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

 

Gli uomini invidiosi dal fiuto più sottile cercano di non conoscere con maggior precisione il loro rivale per potersi sentire superiori a lui.

Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

 

Quanto più in alto sali, tanto più piccolo ti vede l'occhio dell'invidia.

Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

 

Un mezzo sicuro di non avere gente che ci invidi, è d'essere senza meriti.

Johan Oxenstierna, Pensées sur divers sujets, 1774

 

Il milionario non godrebbe niente se gli mancasse l'invidia del popolo.

Alfredo Panzini, La lanterna di Diogene, 1907

 

La morale è la cattiva ipocrisia dell'invidia.

Fernando Pessoa, La divina irrealtà delle cose, 2003 (postumo)

 

La nostra invidia è sempre più grande della felicità di chi è invidiato.

Paul Rée, Osservazioni psicologiche, 1875

 

Essere felici è essere invidiati. Ebbene, c'è sempre qualcuno che c'invidia. Si tratta di conoscerlo.

Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

 

L'invidia, il sentimento più fortificante e più puro.

Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

 

Ci si può liberare dell'invidia gustando le gioie che si trovano sul proprio cammino, svolgendo il lavoro che si deve svolgere, ed evitando di fare confronti con coloro che reputiamo, forse erroneamente, molto più fortunati di noi.

Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930

 

L'invidia è la base della democrazia.

Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930

 

L'unico rimedio contro l'invidia per gli uomini e le donne comuni è la felicità, e il difficile sta nel fatto che l'invidia è in sé stessa un terribile ostacolo alla felicità.

Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930

 

Non perdere tempo con l’invidia. A volte sei in testa. A volte resti indietro. La corsa è lunga e alla fine è solo con te stesso.

Mary Schmich, Usa la crema solare, 1997

 

Provare invidia è umano, assaporare la gioia per il danno altrui è diabolico.

Arthur Schopenhauer, Sul fondamento della morale, 1840

 

Nessuno è gran che da invidiare, innumerevoli sono da compiangere molto.

Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

 

L'invidia è il segno sicuro del difetto, dunque se è rivolta ai meriti altrui è il segno del difetto di meriti propri.

Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

 

A rendere alcuni totalmente privi d’invidia sono un grande orgoglio e una grande ambizione.

Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

 

È facile si giunga a disprezzare qualcuno per non doverlo invidiare.

Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

 

Si ammira soltanto chi, in un modo o nell’altro, è troppo distante da noi per poter essere invidiato.

Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

 

Così come può accadere che un pugile, nel momento in cui si rende conto di non poter competere ad armi pari col proprio avversario, faccia ricorso a qualche colpo basso, allo stesso modo è facile che l’invidioso, nel momento in cui comprende che non potrà mai eguagliare il proprio rivale, ricorra alla calunnia. Ma cosí facendo, l’uno e l’altro – il pugile scorretto come l’invidioso – vanificano nel modo peggiore l’unica possibilità rimastagli: quella di finire al tappeto con onore.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

Invidia e vanità sono le radici del benessere sociale.

Italo Tavolato, Frammenti, 1913

 

Gente per la quale obbedire, imitare e soprattutto non far pena a chi stimano di levatura sociale superiore alla loro, è legge suprema di vita: lo snob infatti, è il contrario dell'invidioso.

Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il gattopardo, 1958 (postumo)

 

L'invidia è un cieco che vuole strapparti gli occhi.

Carlos Ruiz Zafón, Marina, 1999

 

L'invidia è la religione dei mediocri. Li consola, risponde alle inquietudini che li divorano e, in ultima istanza, imputridisce le loro anime e consente di giustificare la  loro grettezza e la loro avidità fino a credere che siano virtù e che le porte del cielo si spalancheranno solo per gli infelici come loro, che attraversano la vita senza lasciare altra traccia se non i loro sleali tentativi di sminuire gli altri e di escludere, e se possibile distruggere, chi, per il semplice fatto di esistere e di essere ciò che è, mette in risalto la loro povertà di spirito, di mente e di fegato.

Carlos Ruiz Zafón, Il gioco dell'angelo, 2008

 

Proverbi

All'invidioso gli si affila il viso e gli cresce l'occhio.

 

Astio e invidia non morirono mai.

 

Chi ha invidia, ha doglie.

 

Chi d'invidia campa, disperato muore.

 

Chi non ebbe invidiosi non ebbe fortuna.

 

Chi vuol tormentar l'invidia, lodi l'invidiato.

 

Come l'ombra segue il corpo, cosi l'invidia segue le belle azioni.

 

Contro l'invidia il miglior scudo è la virtù.

 

Dall'invidioso guardati come dal tignoso.

 

È meglio essere invidiati che compianti.

 

È meglio far invidia che pietà.

 

È peggio l'invidia dell'amico che l'insidia del nemico.

 

Falsità, calunnia, inganno sono gli strumenti dell'invidia.

 

Fu e sarà in ogni tempo su la terra, fra povertà e ricchezza, invidia e guerra.

 

I campanili si misurano dall’ombra e gli uomini dagl’invidiosi.

 

Invidiare è lavoro da disperati.

 

L'altrui fortuna è una corda al collo dell'invidioso.

 

L’invidia è come la gramigna: in ogni terra alligna.

 

L'invidia è il cruccio degli stolti.

 

L'invidia è la peggiore delle malattie.

 

L'invidia è sommo male, perché crepa dell'altrui bene.

 

L'invidia è un tarlo che rode il legno in cui cresce.

 

L'invidia fa agli altri la fossa e poi vi casca dentro.

 

L'invidia fa del male, ma sta peggio.

 

L'invidia grida dispettosa dove cavalca l'onore.

 

L'invidia ha occhi acuti.

 

L’invidia invecchia lentamente e non muore.

 

L’invidia muore con l’invidioso.

 

L'invidia nacque e morirà con gli uomini.

 

L'invidia non può mangiar nulla fuorché il cuore.

 

L'invidia rode se stessa.

 

L’invidia segue la virtù.

 

L'invidia si contenterebbe di un occhio, purché l'invidiato fosse cieco

 

L'invidia tira agli altri e ferisce se stessa.

 

L'invidia vorrebbe togliere agli altri persin la luce del sole.

 

L'invidioso si rode, l'invidiato se la gode.

 

La gallina del vicino ci pare un'oca.

 

La gioia degli altri è il cruccio dell’invidioso.

 

La miseria non ha invidia.

 

Muoiono gl’invidiosi ma non l’invidia.

 

Non fu mai gloria senza invidia.

 

Non ti rallegrar del mio duolo, ché quando il mio sarà vecchio, il tuo sarà nuovo.

 

Peggio dell’amico l’invidia che del nemico l’insidia.

 

Se l'invidia fosse febbre, tutto il mondo l'avrebbe.

 

Se l’invidia fosse rogna tutti si gratterebbero.

 

Se l'invidia si guardasse allo specchio arrossirebbe.

 

Tutto finisce fuorché l'invidia.

 

Uomo non invidiato non è uomo fortunato.

 Astio - Livore

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su