Aforismario 

 

Lettura

Vedi anche: Leggere

 

La lettura tende con gli anni a diventare una specie di doppio dell'esistenza, anzi, un concentrato di esistenza raramente eguagliato, per intensità, nell'ordinario scorrere delle giornate.

Corrado Augias, Leggere, 2007

 

Noi siamo abituati a dare a parole come "silenzio" e "solitudine" un significato di malinconia, negativo. Nel caso della lettura non è così, al contrario quel silenzio e quella solitudine segnano la condizione orgogliosa dell'essere umano solo con i suoi pensieri, capace di dimenticare per qualche ora "ogni affanno".

Corrado Augias, Leggere, 2007

 

La persecuzione contro i libri è propria di tutti i regimi dispotici, e basterebbe questo per farci amare la lettura.

Corrado Augias, Leggere, 2007

 

La lettura è piacere e gioia di essere vivo o tristezza di essere vivo, e soprattutto è conoscenza e domande. La scrittura, invece, di solito è vuoto. Nelle viscere dell'uomo che scrive non c'è nulla.

Roberto Bolaño, 2666, 2004 (postumo)

 

Quante letture ci si risparmierebbe, se si conoscessero prima gli scrittori. Tutte le letture?

Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

 

Chi si dedica a letture occasionali, raramente possiede una cultura molto rigorosa.

Arthur Conan Doyle, Uno studio in rosso, 1887

 

Il tempo trascorso a guardare la televisione allontana il bambino dalla lettura; la capacità di leggere è scarsamente sviluppata, e il valore della lettura trascurato. I bambini vengono abbandonati ad una serva infedele che li espone a "vicende sconnesse raccontate da persone sconnesse".

John Condry, Ladra di tempo, serva infedele, 1993

 

La lettura è il viaggio di chi non può prendere un treno.

Francis de Croisset, Le cœur dispose, 1912

 

Tra tutti i passatempi la lettura è il più economico e il meno pericoloso. Leggere un libro a letto, non comporta alcun rischio. A meno che non crolli la casa.

Luciano De Crescenzo, I pensieri di Bellavista, 2005

 

La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini più eminenti dei secoli passati, che ne sono stati gli autori, anzi una conversazione meditata, nella quale essi ci rivelano solo quanto di meglio c’era nel loro pensiero.

René Descartes (Cartesio), Discorso sul metodo, 1637

 

Nella lettura solitaria, l'uomo che cerca sé stesso ha qualche possibilità di trovarsi.

Georges Duhamel, Difesa delle lettere, 1937

 

La lettura è un’attività asociale, faticosa e anche noiosa. Ma rimane la più straordinaria di tutte.

Gian Arturo Ferrari, su il Giornale, 2005

 

La lettura di un libro, che meriti d'essere letto, dovrebb'essere una specie di copula, non soltanto piacevole, ma anche feconda.

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

La lettura è a volte un modo ingegnoso per evitare di pensare.

Arthur Helps, Friends in Council, 1847/59

 

Ci si dovrebbe lasciar guidare, nelle letture, solo dalla propria inclinazione: quello che si legge per una sorta di senso del dovere porterà ben poco vantaggio.

Samuel Johnson, in James Boswell, Vita di Samuel Johnson, 1791 (postumo)

 

L'aspetto veramente importante della lettura è che favorisce una disinvolta intimità con il processo della scrittura; si mette piede nel paese dello scrittore con tutti i documenti più o meno in ordine.

Stephen King, On Writing, 2000

 

Quando una lettura vi eleva lo spirito, ispirandovi sentimenti nobili e coraggiosi, non cercate un altro criterio per giudicare l’opera: essa è buona e forgiata da una mano maestra.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

 

Non so se è in grado di «salvarci» o di renderci cittadini migliori, ma certo l'esperienza della lettura mi appare ancora come la migliore approssimazione a una esperienza reale. Ovvero: incontro perlopiù accidentale, avventuroso, di un individuo con qualcosa che non può controllare e che lo modificherà in modo irreversibile.

Gabriele La Porta, Meno letteratura, per favore!, 2010

 

Gli scritti più vicini alla perfezione, hanno questa proprietà, che ordinariamente alla seconda lettura piacciono più che alla prima. Il contrario avviene in molti libri composti con arte e diligenza non più che mediocre, ma non privi però di un qual si sia pregio estrinseco ed apparente; i quali, riletti che sieno, cadono dall'opinione che l'uomo ne avea concepito alla prima lettura.

Giacomo Leopardi, Il Parini ovvero della Gloria, in Operette morali, 1827/34

 

La lettura per l'arte dello scrivere è come l'esperienza per l'arte di viver nel mondo, e di conoscer gli uomini e le cose.

Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

 

Lo studio è stato per me il rimedio principale contro i travagli della vita; non avendo io mai avuto un dispiacere che non mi sia passato dopo un'ora di lettura.

Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716-55  (postumo 1899-01)

 

Ogni lettura è un atto di resistenza. Di resistenza a cosa? A tutte le contingenze.

Daniel Pennac, Come un romanzo, 1992

 

Ci sono casi, casi patologici per così dire di depressione spirituale, in cui la lettura può diventare una specie di disciplina terapeutica ed essere demandata e ripetutamente sollecitata a reintrodurre perpetuamente una coscienza pigra nella sua vita spirituale. In questi casi i libri assumono un ruolo analogo a quello degli psicoterapeuti con certi nevrotici.

Marcel Proust, Sulla lettura, 1905

 

Uno spirito originale sa subordinare la lettura alla propria attività personale. Per lei non è altro che la più nobile delle distrazioni, soprattutto la più feconda perché solo la lettura e il sapere forniscono lo spirito di "belle maniere".

Marcel Proust, Sulla lettura, 1905

 

Quando la lettura è per noi l'iniziatrice le cui magiche chiavi ci aprono al fondo di noi stessi quelle porte che noi non avremmo mai saputo aprire, allora la sua funzione nella nostra vita è salutare. Ma diventa pericolosa quando, invece di risvegliarci alla vita individuale dello spirito, la lettura tende a sostituirsi ad essa.

Marcel Proust, Sulla lettura, 1905

 

La lettura [...] ci insegna ad accrescere il valore della vita, valore che non abbiamo saputo apprezzare e della cui grandezza solo grazie al libro ci rendiamo conto.

Marcel Proust, Il tempo ritrovato, 1927 (postumo)

 

Permetterci di conciliare il piacere della solitudine con il piacere della buona compagnia è uno dei grandi pregi della lettura.

Giovanni Soriano, Maldetti. Pensieri in soluzione acida, 2007

 

La lettura senza la scrittura è sterile, la scrittura senza la lettura è orfana.

Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

Pochi hanno abbastanza occhio – e tempo, e interesse – per accorgersene, ma tra le crepe dell’utilitarismo, dell’affarismo, dell’attivismo, dell’arrivismo e dell’esibizionismo della nostra epoca, si annidano delle strane creature riservate, la cui aberrante sensibilità le induce spesso a preferire le parole ai fatti, piuttosto che il contrario: sono gli amanti della conoscenza, della lettura, della filosofia.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

L'atto di lettura è autentico soltanto quando conosciamo integralmente un autore, quando esaminiamo con sollecitudine particolare, anche se un po' irritata, i suoi «fallimenti» per elaborare una nostra visione personale della sua presenza.

George Steiner, Nessuna passione spenta, 1996

Lettore - Libri - Slogan libri e lettura

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su