Aforismario 

 

Misantropia

Citazioni - Aforismario

Vedi anche: Contro l'umanità - Umanità

 

Bada a non avere mai nei confronti del misantropo i sentimenti che il misantropo nutre nei confronti degli altri uomini.

Marco Aurelio, Pensieri, 166/79

 

La misantropia, specie di vanità nascosta sotto una pelle di porcospino.

Honoré de Balzac, Il medico di campagna, 1833

 

I misantropi sono uomini dotati di buona memoria.

Anselmo Bucci, Il pittore volante, 1930

 

La debolezza, la mancanza di idee o, in una parola, tutto ciò che può impedirci di vivere bastando a noi stessi: ecco i soli mezzi che impediscono a molti di essere misantropi.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795/1953 (postumo)

 

Nel vedere quel che succede nel mondo, il più misantropo finirebbe col rallegrarsi, e Eraclito col morire dal ridere.

Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795 (postumo)

 

D..., amabile misantropo, mi diceva riguardo alla malvagità umana: "Solo l'inutilità del primo diluvio trattiene Dio dal mandarne un secondo".

Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795 (postumo)

 

Il misantropo non odia gli altri quanto sé stesso.

Charles Chincholle, Les Pensées de tout le monde, 1868

 

Fra tutte le persone, le meno insopportabili sono quelle che odiano gli uomini. Non bisogna mai fuggire un misantropo.

Emil Cioran, Esercizi di ammirazione, 1986

 

I misantropi sono onesti; per questo sono misantropi.

Delphine Gay de Girardin, Margherita, o Due amori, 1882

 

La differenza tra il misantropo e il misogino è che il primo non ama gli uomini, e il secondo conosce le donne.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

 

Oggi chi conoscendo ed avendo sperimentato il mondo, non è divenuto egoista, se ha niente niente di senso e d'ingegno, non può esser divenuto che misantropo.

Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

 

Chi pratica poco cogli uomini, difficilmente è misantropo. I veri misantropi non si trovano nella solitudine, si trovano nel mondo. Lodan quella, sì bene; ma vivono in questo. E se un che sia tale si ritira dal mondo, perde la misantropia nella solitudine.

Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

 

La misantropia nasce quando si è riposta eccessiva fiducia in qualcuno, senza conoscerlo bene, ritenendolo amico leale, sincero, fedele, mentre poi, a poco a poco, si scopre che è malvagio e infido, un essere del tutto diverso. Quando questa esperienza si ripete più volte, specie con quelli che stimavamo più fidati e più amici, si finisce, dopo tante delusioni, con l’odiare tutti e col credere che in nessun uomo vi sia qualcosa di buono.

Platone, Fedone, IV sec. a.e.c.

 

Qualsiasi uomo notevole, chiunque cioè non appartenga a quei 5/6 dell'umanità dotati tanto miseramente dalla natura, rimarrà dopo i quarant'anni difficilmente esente da una certa traccia di misantropia.

Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

 

C'è l'infelice che possiamo definire astratto. Egli è infelice e basta. C'è il più infelice che odia se stesso. Infine c'è l'infelice assoluto che odia immediatamente se stesso e mediatamente l'altro. Costui è il misantropo.

Manlio Sgalambro, Della misantropia, 2012

 

Non c’è essere più infelice su questa terra di un misantropo costretto a vivere in un condominio.

Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

 

I peggiori guai per l’umanità non provengono da malvagi misantropi senza scrupoli, ma da coloro che la amano e che intendono guidarla o migliorarla.

Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

 

Io non sono misantropo, è l’umanità che è insopportabile.

Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

Un misantropo non si riconosce tanto dalla sua tendenza a evitare gli altri, quanto dal non riuscire a rassegnarsi all’idea di dover condividere lo stesso pianeta per tutta la vita col resto dell’umanità.

Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

L'osservazione troppo minuziosa degli uomini può diventare misantropia.

Ludwig Tieck, Il superfluo della vita, 1839

 

MalomondoMalomondo

In lode della stupidità

Autore: Giovanni Soriano

Editore: Fazi, Roma, 2013

 

Società, cultura, politica, religione: nulla sfugge all’incontrastabile dominio della Stupidità, e volerne saggiare anche solo alcuni aspetti, significa rischiare di rimanere disgustati per sempre del mondo, degli altri, di sé stessi.

  

Citazioni per autore - Citazioni per argomento

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su

Facebook - Twitter