Morte

Vedi anche: Morire

 
 

Insieme alla vita e all'amore, quello della morte è uno dei temi più dibattuti del pensiero umano. Sul sito Aforismario è possibile leggere una vastissima selezione delle più significative riflessioni sulla morte, senza tralasciare quelle di carattere ironico, che tendono un po' ad esorcizzarla. Il numero delle citazioni che trattano della morte è talmente elevato, che si è preferito suddividerle in più pagine, raggiungibili attraverso i link riportati all'inizio e alla fine di ognuna di esse, oppure attraverso la casella di ricerca posta in alto. Tra i vari argomenti correlati a quello della morte cui si è dedicata una pagina specifica, si vedano, a esempio: vita e morte, morire, eutanasia, lutto, defunti, cadavere, funerale, bara, tomba, cimitero, ecc.

La morte, inevitabile termine a chi venne in vita, mai fu inutile a chi mal vive, e mai dannosa a chi visse bene.
Leon Battista Alberti, Sentenze pitagoriche, 1462
 
Ci sono cose peggiori della morte: se avete passato una serata con un assicuratore, voi capite cosa intendo...
Woody Allen
 
Il segreto credo che sia non pensare la morte è la fine, ma pensarla piuttosto come un modo molto efficace di ridurre le vostre spese.  
Woody Allen
 
Non mi piace che si finga di sprezzar la morte; la legge principale è saper sopportare quanto è inevitabile.
Honoré de Balzac, Massime e pensieri di Napoleone, 1838 
 
La morte è un sonno senza sogni e forse senza risveglio.
ibid.
 
Temere la morte è far professione d'ateismo.
ibid.
 
La morte è un'usanza che tutti, prima o poi, dobbiamo rispettare.
Jorge Luis Borges (Fonte sconosciuta)

 

Il settimo sigillo

Partita a scacchi con la Morte ne Il settimo sigillo di Ingmar Bergman, 1956

 

La morte del corpo non è la fine dello spirito, ma solo una tappa del viaggio, come quando nei tempi andati si cambiava diligenza.
Louis Bromfield, Mrs. Parkington, 1943
 
Parlare di morte / è come parlare / di denaro – / noi non conosciamo/ né il prezzo / né il valore.
Charles Bukowski, Eat, in At Terror Street and Agony Way, 1968
 
I fatti sono cocciuti, la morte il più cocciuto dei fatti.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987
 
E se Dio avesse inventato la morte per farsi perdonare la vita?
ibid.
 
Rubinetti che gocciolano, scoregge di passione, pneumatici bucati – sono tutte cose più tristi della morte.
Charles Bukowski, Taccuino di un vecchio sporcaccione, 1969
 
Il problema più importante, quello della morte, è trattato sempre e solo da incompetenti. Non conosciamo il parere di nessun esperto.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001
 
La morte: un punto o una virgola?
Valeriu Butulescu, Aforismi, 2002
 
Si dice che per molti la morte viene come una liberazione, ed è difficile trovare un uomo che qualche volta non se la sia augurata.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973
 
È per la morte che noi viviamo, è per la morte che amiamo ed è per lei che procreiamo e sgobbiamo, le nostre fatiche e i nostri giorni si susseguono ormai all'ombra della morte, la disciplina che osserviamo, i valori che salvaguardiamo e i progetti che facciamo portano tutti a un solo esito: la morte.
Albert Caraco, Breviario del Caos, 1982 (postumo)
 
Noi tendiamo alla morte, come la freccia al bersaglio, e mai falliamo la mira.

ibid.

 

Dio è giusto: la morte non la nega a nessuno.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

 

Ho un ritardo di dieci anni su tutto. Spero che la morte ne tenga conto.
ibid.

 

Non è la morte che mi preoccupa, ma la paura che mi prenderò.
ibid.

 

La morte è un mostro che caccia dal gran teatro uno spettatore attento, prima della fine di una rappresentazione che lo interessa infinitamente.
Giacomo Casanova, Storia della mia vita, 1960/62 (postumo)
 
A tutto si rimedia fuorché all'osso del collo scavezzato, e la morte non la si scappa quando l'ora è arrivata. 
Miguel de Cervantes, Don Chisciotte della Mancia, 1605/15
 
L'uomo è un'anima che trascina un cadavere. Noi deploriamo come morte il suo stancarsi, alla fine, di fare da spazzino.
Guido Ceronetti, Pensieri del tè, 1987
 
La morte come liberatrice dall'Informazione.
ibid.
 
L’uomo non prova, in fondo all’anima, nessuna avversione nei confronti della morte; c’è pure un certo piacere nel morire. La lampada che si spegne non soffre.
François-René de Chateaubriand, Pensieri, riflessioni e massime, XIX sec.
 
Noi non corriamo, verso la morte, fuggiamo la catastrofe della nascita, ci affanniamo, superstiti che cercano di dimenticarla. La paura della morte è solo la proiezione nel futuro di una paura che risale al nostro primo istante.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973
 
La morte è uno stato di perfezione, il solo alla portata di un mortale.
Emile Cioran, Squartamento, 1979
 
La morte, che disonore! Diventare di colpo oggetto...
ibid.
 
Se la morte non fosse una forma di soluzione, i viventi avrebbero trovato un modo qualsiasi di aggirarla.
ibid.
 
La morte, mistero inesplicabile, di cui un'esperienza quotidiana sembra non avere ancora convinto gli uomini.
Benjamin Constant, Adolphe, 1816
 
La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell'umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te.
John Donne, Devotions upon Emergent Occasions, 1623
 
Il solo difetto della morte è che essa ci pone in condizione di non poter apprezzare il suo beneficio.
Andrea Emo, Quaderni, 1960 (postumo, 2007)
 
La morte, il più atroce di tutti i mali, non esiste per noi. Quando noi viviamo la morte non c'è, quando c'è lei non ci siamo noi.
Epicuro, Massime capitali, IV-III sec. a.e.c.
 
La morte non costituisce nulla per noi, dal momento che il godere e il soffrire sono entrambi nel sentire, e la morte altro non è che la sua assenza.
Epicuro, Lettera a Meneceo, IV-III sec. a.e.c.
 
Da ogni cosa ci si può mettere al sicuro, ma per la morte abitiamo tutti una città senza mura.
Epicuro, Sentenze e frammenti, IV-III sec. a.e.c.
 
Di fronte alla morte, come al dolore, l'uomo è, in partenza, molto più vile della donna, perché ne ha più paura. Per il maschio la morte è precipitare nello spaventoso Nulla da cui è venuto, per la donna è ricongiungersi alla Terra, a Gea, alla Grande Madre, a se stessa.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000
 
Per i cattolici la morte è una promozione.
Bob Fosse
 
La propria morte è irrappresentabile, e ogni volta che cerchiamo di farlo, possiamo costatare che in realtà continuiamo a essere presenti come spettatori. Perciò la scuola psicoanalitica ha potuto anche affermare che non c'è nessuno che in fondo creda alla propria morte, o, ciò che equivale, che nel suo inconscio ognuno di noi è convinto della propria immortalità.
Sigmund Freud, Considerazioni attuali sulla guerra e la morte, 1915
 
Perché aver paura della morte? È la più bella avventura della vita!
Charles Frohman (Ultime parole prima di morire)
 
La morte! quel tipo vero dell’uguaglianza che distrugge inesorabilmente ogni superiorità mondana e confonde in un ammasso di putredine gli avanzi dell’imperante e del mendico! la morte deve stupire di tanta differenza fra i funerali del povero e quelli del ricco!
Giuseppe Garibaldi, Clelia o Il governo dei preti, 1870

 

La morte: un ponte o un abisso?
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

 

È la morte dei singoli, non delle masse, che ci sconvolge.
ibid.

 

L'importante è che la morte ci colga distratti.
ibid.

 

La morte non dipende da noi, ma da noi dipende il modo di affrontarla.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

 

La morte improvvisa ha questo di brutto: c'impedisce di pronunciare frasi storiche.
ibid.

 

La morte degli altri tanto più ci sgomenta quanto più ci fa pensare alla nostra.
ibid.

 

Meglio la morte che stronca di quella che intrattiene.
ibid.

 

Perché diamo tanta importanza alla morte quando quella altrui la dimentichiamo così in fretta?
ibid.

 

Si dice che "solo alla morte non c'è rimedio". E se, invece, proprio la morte fosse il rimedio?
ibid.

 

Come il sole la nebbia, così il pensier della morte fuga e discioglie ogni cupidigia, ogn'invidia, ogni odio.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908
 
Nulla è da temere da uomo che pensi abitualmente alla morte.
ibid.
 
Se sei consapevole della morte, essa non arriverà come una sorpresa, non ne sarai preoccupato. Percepirai che la morte è esattamente come cambiarsi d’abito e, di conseguenza, in quel momento riuscirai a mantenere la tranquillità mentale.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), La via della tranquillità, 1998
 
La morte è il male più grande, perché recide la speranza.
William Hazlitt, Caratteristiche, 1823
 
Il richiamo della morte è anche un richiamo d'amore. La morte è dolce se le facciamo buon viso, se l'accettiamo come una delle grandi, eterne forme dell'amore e della trasformazione.
Hermann Hesse, Lettere 1895-1962 (postumo 1973-1986)
 
La morte è quella malattia che pone fine a tutte le altre.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55
 
La morte sopraggiunge una sola volta, facendosi sentire a ogni istante della vita; è più duro paventarla che subirla.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688
 
Quanto di certo v’è nella morte è un po’ attenuato da quanto è incerto: un indefinito nel tempo che custodisce qualcosa dell’infinito e di ciò che chiamiamo eternità.
ibid.
 
Umanamente parlando, la morte rivela un lato bello, che consiste nel por fine alla vecchiaia. La morte che previene la decrepitezza giunge più a proposito di quella che vi pone fine.
ibid.
 
Pochi conoscono la morte. Solitamente la si sopporta non per fermezza, ma per stupidità e per abitudine, e la maggior parte degli uomini muore perché non si può far niente per non morire.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678
 
Se si potesse scontare la morte dormendola a rate!
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957
 
La morte non è male: perché libera l'uomo da tutti i mali, e insieme coi beni gli toglie i desideri. La vecchiezza è male sommo: perché priva l'uomo di tutti i piaceri, lasciandogliene gli appetiti; e porta seco tutti i dolori. Nondimeno gli uomini temono la morte, e desiderano la vecchiezza.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo) 
 
Siamo ingiusti verso la morte dipingendola come si fa di solito: dovremmo invece rappresentarla come una vecchia signora ben conservata, grande, bella, maestosa, dolce e calma, con le braccia aperte per accoglierci. È l’emblema dell’eterno riposo dopo la vita miserabile, inquieta e tempestosa.
Charles-Joseph de Ligne, Scritti militari, letterari e sentimentali, 1795-1811
 
Arriviamo a comprendere fino in fondo gli esseri umani ai quali siamo uniti da un vincolo indissolubile soltanto nell'attimo della loro morte.
Sándor Márai, Confessioni di un borghese, 1934/35
 
Chi teme la morte è già morto.
Carlo Michelstaedter, La persuasione e la rettorica, 1910
 
Tutti i giorni vanno verso la morte, l'ultimo vi arriva.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95
 
Non c'è parola, in nessun linguaggio umano, capace di consolare le cavie che non sanno il perché della loro morte.
Elsa Morante, La storia, 1974 (cit. di un sopravvissuto di Hiroshima)
 
Quando ho chiesto al commercialista che cosa potesse tirarmi fuori dai guai in cui mi trovo, dopo aver riflettuto a lungo mi ha risposto: «La morte potrebbe esserti d'aiuto».
Robert Morley
 
Morte e Sonno gemelli.
Omero, Iliade, ca. IX sec. a.e.c.
 
È più facile sopportare la morte senza pensarvi che il pensiero della morte senza pericolo.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)
 
Non c’è niente di più errato del ritenere la morte simile al sonno. Perché dovrebbe esserlo se la morte non assomiglia al sonno? L’essenza del sonno è il destarsi da esso, ma dalla morte non ci si desta.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)
 
Noi diciamo la morte per semplificare, ma ce ne sono quasi quante le persone.
Marcel Proust, La prigioniera, 1923 (postumo)
 
La morte risolve tutti i problemi – niente uomini, niente problemi.
Anatoly Rybakov, I bambini di Arbat, 1987
 
Non v'è rimedio per la nascita e la morte salvo godersi l'intervallo.
George Santayana, Soliloqui in Inghilterra, 1922
 
Ci sono persone a cui la morte dona un'esistenza.
Louis Scutenaire, Mes inscriptions, 1943/44
 
Ecco il nostro errore: vediamo la morte davanti a noi e invece gran parte di essa è già alle nostre spalle: appartiene alla morte la vita passata.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

 

La morte delle persone che ci stanno accanto ci riguarda più della nostra.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

 

La morte rende liberi.
ibid.

 

Ognuno, sin dalla nascita, si porta dentro la propria morte.
ibid.

 

Molto peggio della morte è giungerci soffrendo.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

 

La morte più dura da accettare, oltre a quella ovvia di coloro che ci stanno accanto, è quella dei grandi che ci hanno lasciato troppo presto: Rino Gaetano, Massimo Troisi, Bill Hicks…
ibid.

 

Tra tutte le cose certe, la nostra morte è quella cui crediamo meno.
ibid.

 

La morte è la meritata fine riservata a tutti coloro i quali hanno avuto la presunzione di nascere.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

 

La morte (intendo la propria, ma in certi casi an-che quella altrui) sarà pure un evento assai triste, ma è l’unica cosa che può farci risolvere in un solo istante tanti di quei problemi e che ci consente di eliminare in maniera definitiva tanti di quei fastidi, che sarebbe
ingiusto dirne troppo male.
ibid.

 

Una bella morte... che sciocchezza, la morte non è mai bella, la morte è laida, sempre, è la negazione della vita.
Antonio Tabucchi, Tristano muore, 2004 
 
La morte è orribile solo per colui che non crede in Dio, oppure crede in un Dio malvagio, il che è la stessa cosa. Per colui che crede in Dio, nella sua bontà e vive in questa vita secondo la sua legge ed ha sperimentato questa sua bontà, per costui la morte è solo un passaggio.
Lev Tolstoj, Il bastoncino verde, 1905
 
Cercate, meditando frequentemente sulla morte, di portarvi al punto per cui essa non vi sembri più una terribile nemica, ma un'amica la quale libera da questa sciagurata esistenza l'anima che langue nei conati della virtù per introdurla nel luogo della ricompensa e del riposo.
Lev Tolstoj, Guerra e pace, 1865/69
 
Finché c'è morte c'è speranza.
Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il gattopardo, 1958 (postumo)
 
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.
Totò (Antonio de Curtis), 'A livella, 1953/64
 
Se hai paura della morte, non ascoltare il tuo cuore battere la notte.
Paul-Jean Toulet, I tre impostori, 1922 (postumo)
 
Sia che siano di stirpe nobile o di umili origini, ricchi o poveri, vecchi o giovani, illuminati o non illuminati, siamo tutti destinati a morire. Sappiamo che ciò è ineluttabile, ma ci illudiamo raccontandoci che gli altri moriranno prima di noi, che saremo gli ultimi. La morte sembra sempre lontana. Non è modo di pensare ingannevole e futile? Non è un'illusione, un sogno? Questo ci rende negligenti e non dovremmo crederci. Dovremmo essere coraggiosi e prepararci, perché presto o tardi la morte verrà a bussare alla nostra porta.
Yamamoto Tsunetomo, Hagakure, 1709-1716 (postumo 1906)
 
La nascita è il sonno dell'anima, è l'oblio; la morte è il risveglio.
Amadeus Voldben (Amedeo Rotondi), Pensieri per una vita serena, 2008 (postumo)

 

Proverbi

A tutto c'è rimedio fuorché alla morte.
 
I vecchi vanno verso la morte e la morte va incontro ai giovani.
 
La morte ci deve trovare vivi.
 
La morte è il sonno dei buoni, il terror dei ricchi, il ricovero dei poveri e la consolazione dei tribolati.
 
La morte è un debito che abbiamo tutti.
 
"   " guarisce tutti i mali.
 
"   " non conosce né età né giorno.
 
"   " non prende all'uomo che la vita.
 
"   " pareggia tutte le partite.
 
"   " salda ogni debito.
 
"   " viene quando meno la si aspetta.
 
Né muro né porte valgon contro la morte.
 
Pace ai vivi e riposo ai morti.
 
Povero chi desidera la morte, più povero chi la teme.
 
Prima della morte non dire a nessuno beato.
 
Quando la morte s’avvicina non c’è medico né medicina.
 
Temer la morte è peggio che morire.
 
Tutto muore al mondo, tranne la morte.

Libro consigliato

Storia della morte in OccidenteStoria della morte in Occidente
Autore Philippe Ariès
Editore BUR Bibl. Univ. Rizzoli, 1998
 
In questo studio, uno tra i maggiori storici francesi dei nostri tempi affronta il tema del pensiero della morte partendo non dai testi letterari, ma da tutti quei documenti che esprimono la sensibilità comune e l'inconscio collettivo, in particolare le tombe e i testamenti.

Leggi anche frasi su questi argomenti:

Vita e Morte - Defunti - Funerale

Condoglianze per Lutto

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su