Aforismario 

 

Arroganza / Tracotanza

Vedi anche: Superbia

 

1. Arroganza

Il solo immaginare che il sovrano dell’universo correrà ad assistermi rivoltando le leggi della natura, per me è il massimo dell’arroganza.

Dan Barker, Perdendo fede nella fede: da predicatore ad ateo, 1992

 

Profumo, pellicce, biancheria fine, gioielli: lussuosa arroganza di un mondo dove non c'è posto per la morte; ma essa restava in agguato dietro quella facciata, nel segreto grigiastro delle cliniche, degli ospedali, delle camere chiuse.
Simone de Beauvoir, Una morte dolcissima, 1964

 

Tranne poche eccezioni, le persone che hanno molto sofferto finiscono col diventare arroganti, non umili. Vi gettano in faccia le loro disgrazie, e non hanno tregua finché non soffrite quanto loro.
Emil Cioran, Quaderni, 1957-1972 (postumo, 1997)

 

Il prodigo è arrogante, l'avaro è meschino. La meschinità è meglio dell'arroganza.

Confucio, Dialoghi, ca. 479/221 a.e.c. (postumo)

 

Vivere nella povertà senza nessun risentimento, ecco ciò che è difficile; al confronto, essere ricchi senza arroganza non costa niente.

Confucio, Dialoghi, ca. 479/221 a.e.c. (postumo)

 

L'uomo nella sua arroganza si crede un'opera grande, meritevole di una creazione divina. Più umile, io credo sia più giusto considerarlo discendente degli animali.

Charles Darwin, L'origine dell'uomo, 1871

 

L'arroganza rampante di una certa categoria di politici e finanzieri è come un'infezione di una ferita: se non si cura rapidamente (magari con mezzi drastici) si allarga e infetta l'intero organismo sociale.

Enzo Di Frenna, L'accordo, 1992

 

L'alterigia e l'arroganza possono, agli occhi dei meno esperti, somigliare alla dignità, ma della dignità non sono neanche parenti lontane.

Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

Ricchezza e onori e in più arroganza si lasciano dietro rovina. A opera compiuta, ritirarsi: questa è la via del cielo.

Lao Tzu, Tao Te Ching, ca. V sec. a.e.c.

 

L’arroganza nelle persone di merito offende ancor più che l’arroganza degli uomini senza merito: perché già il merito offende.

Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano, 1878

 

Recida il Signore le labbra bugiarde, la lingua che dice parole arroganti.
Salmi, Antico Testamento, III sec. a.e.c.

 

Se hai aperto la bocca contro un amico, non temere, può esserci riconciliazione, tranne il caso di insulto e di arroganza, di segreti svelati e di un colpo a tradimento; in questi casi ogni amico scomparirà.

Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c. 

 

Date l'impudenza e la stupida arroganza della maggior parte degli uomini, chiunque possiede dei meriti farà bene a metterli in mostra se non vorrà lasciare che cadano in un completo oblio.

Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

 

Gli uomini non possono assolutamente reggere soprattutto al pensiero che si abbia bisogno di loro: l'arroganza e la presunzione ne sono l'inevitabile conseguenza.

Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

 

2. Tracotanza

Occorre  spegnere la tracotanza ancor più che un incendio.

Eraclito, Frammenti, VI-V sec. a.e.c.

 

Il vero potere non ha bisogno di tracotanza, barba lunga, vocione che abbaia. Il vero potere ti strozza con nastri di seta, garbo, intelligenza.
Oriana Fallaci, Intervista con la storia, 1974

 

Assieme alla lussuria, la gola è il vizio più confessabile. Nessuno si vanterà pubblicamente di essere invidioso, avaro, tracotante, iracondo, negligente. Ma nessuno si vergognerà di dire che va matto per le profiteroles.
Cesare Marchi, Quando siamo a tavola, 1990

 

Bisogna accontentarsi della luce che al sole piace mandarci coi suoi raggi; e colui che alzerà gli occhi9 per prenderne di più da quel medesimo corpo celeste, non trovi strano poi se, per castigo della sua tracotanza, perde la vista.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

 

Come l'esperienza insegna, i più vili e codardi nel momento del pericolo si fanno tracotanti a parole e, con la lingua, assolutamente decisi.
Publio Cornelio Tacito, Storie, ca. 100

 

3. Alterigia

Chi sorride con benevolenza, senza alterigia, è su un gradino più in alto di chiunque.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

 

La tolleranza è un amore malato d'alterigia.
Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

 

Dio umilia l'alterigia del superbo, ma soccorre chi ha gli occhi bassi.
Giobbe, Antico Testamento, ca. VI-IV sec. a.e.c.

 

L'alterigia e l'arroganza possono, agli occhi dei meno esperti, somigliare alla dignità, ma della dignità non sono neanche parenti lontane.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

La sola nobiltà che da molti si conosca è l'alterigia e l'arroganza.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

Quando un uomo parla con alterigia ad un altro uomo, non si ha, ordinariamente, nessun motivo per ritenere che i cromosomi più qualificati siano dalla parte dell'insolenza.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

 

4. Altezzosità

Altezzoso. Altero e sdegnoso, come per esempio un cameriere.
Ambrose Bierce, Il dizionario del diavolo, 1911

 

Il piacere dell'elemosina è un piacere altezzoso e immorale, il piacere del ricco che si compiace della propria ricchezza, del potere, e del confronto tra la propria importanza e quella del mendico. 
Fëdor Dostoevskij, I demoni, 1871

 

II sussiego è l'altezzosità dei fatui.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

 

L'ignoranza essendo assai volte altezzosa e caparbia, bisogna che la scienza sappia essere mansueta e modesta.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

 

Altezzoso è sempre preso in senso negativo. È l’orgoglio che si rivela attraverso modi arroganti; è il mezzo più sicuro per farsi detestare, è il difetto che nei bambini deve essere corretto il più possibile.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

 
Presunzione
Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su