Aforismario 

 

Odore

Vedi anche: Profumo

 

Il fascino di un corpo di donna che infiamma i sensi è come l'odore della cucina − eccitante quando si ha fame, ripugnante quando si è sazi.

M. Ageev, Romanzo con cocaina, 1936

 

L'opportunista segue con tenacia la direzione del vento: anche quando fiuta odore di merda.

Dino Basili, I violini di Chagall, 1991

 

L'adulazione è come l'acqua di Colonia: è da annusare, non da bere.
Josh Billings (Fonte sconosciuta)

 

Le parti dov'è più odore sono quelle dove si raccoglie più anima. L'occhio, che è senza odore, è specchio, non anima. Aggiungere profumi al corpo è aggiungere anima o fingere di averne, se manca, una. Gli odori troppo forti ci sono diventati sgradevoli, perché l'eccesso d'anima è intollerabile a misura che l'animalità naturale è repressa e frenata dalla civiltà.

Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

 

L'odore della creatura ci mette sulle tracce di una divinità fetida.

Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

 

L'uomo emana un odore speciale: fra tutti gli animali, soltanto lui puzza di cadavere.

Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

 

Il profumo si può cambiare, l'odore no. E non c'è profumo che possa innocuizzare un odore che ti è sgradevole, anzi sovente il melange aggrava la situazione.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

 

L'odore dei soldi è buono, qualunque sia la loro provenienza.

Decimo Giunio Giovenale, Satire, II sec.

 

Il fieno non ha lo stesso odore per i cavalli e per gli amanti.

Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

 

L'odore è l'intelligenza dei fiori.

Henry de Montherlant, Taccuini, 1924/72

 

Niente fa rivivere il passato più intensamente di un odore che una volta vi era associato.

Vladimir Nabokov, Maria, 1926

 

Ogni parola ha il suo odore: c'è un'armonia e disarmonia degli odori e dunque delle parole.

Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

 

Che, alle volte, scene dimenticate da molto tempo, apparentemente senza nessun movente, all'improvviso ci tornino alla memoria con molta vivacità, può, in molti casi, avvenire perché sentiamo un tenue profumo, percepito quasi inconsapevolmente, come allora. È noto, infatti, che gli odori risvegliano facilmente i ricordi, e dovunque al nexus idearum basta un'occasione sia pure assai insignificante.

Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

 

I due odori più buoni e più santi son quelli del pane caldo e della terra bagnata dalla pioggia.

Ardengo Soffici, Taccuino di Arno Borghi, 1933

 

Il passato è l'unica cosa morta che ha un dolce odore.
Edward Thomas, Poesie, 1917

 
Puzza - Fiuto
Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su