Aforismario 

 

Pentimento

Vedi anche: Rimorso

 
 

Il pentimento è una sorta di rimprovero che si muove a se stessi per aver trascurato qualcosa di utile, e l’utile è un bene che l’uomo onesto non deve assolutamente trascurare.
Marco Aurelio, Pensieri, ca. 166-179

 

Pentimento. Un sentimento che di rado turba la gente, almeno finché le cose non cominciano ad andare male.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911
 
Non pentirsi di nulla è il principio d'ogni saggezza.
Ludwig Börne, Frammenti e aforismi, 1840 (postumo)
 
Solo il debole si pente!
George Gordon Byron, Il corsaro, 1814
 
Dopo il danno non vale pentirsi.
Merlin Cocai, Il Baldo, 1517/40
 
Essere cristiani alla moda in voga consiste nel pentirsi non tanto dei propri peccati, quanto del cristianesimo.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92
 
È così santo che riesce a pentirsi anche dei peccati non commessi.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983
 
Il pentimento, più che dal rimorso del peccato, nasce dal timore del castigo.
ibid.
 
La paura dell'inferno non ci trattiene dal peccato, ma c'induce al pentimento.
ibid.
 
È facile pentirsi dei propri peccati quando non si ha più voglia di commetterli.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989
 
A pentirsi c'è sempre tempo. A peccare, no.
ibid.
 
Ci sono peccati di cui è un vero peccato pentirsi.
ibid.

 

Il pentito aiuta la giustizia rendendola meno giusta.
ibid.

 

Non mi pentirò mai abbastanza dei peccati non commessi.
ibid.
 
Quando una donna mi dice "si", prima o poi se ne pentirà.
ibid.

 

Ci sono uomini i quali, in ciascun giorno, si pentono di ciò che fecero il giorno innanzi; e così consumano la vita: e sono i più inutili, se non i più dannosi, degli uomini.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908
 
È più facile pentirsi di pochi errori che di molti, perché a pentirsi di molti, bisogna condannare e rinnegare troppa parte di sé.
ibid.
 
Meglio è non fare il bene che farlo e poi pentirsi d'averlo fatto.
ibid.

 

Per il fatto che, nell'uomo, al piacere deve seguire il disgusto, ne consegue che, nella donna, a fedeltà segue pentimento.
Karl Kraus, Pro domo et mundo, 1912

 

Ci sono poche donne tanto perfette da impedire a un marito di pentirsi, almeno una volta al giorno, di avere moglie, o di ritenere fortunato chi non ce l’ha.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688
 
Il nostro pentimento non è tanto un rimpianto del male che abbiamo fatto, quanto la paura del male che ce ne può venire.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

 

Nessun dolore cagionato da nessuna sventura, è paragonabile a quello che cagiona una disgrazia grave e irrimediabile, la quale sentiamo ch’è venuta da noi, e che potevamo schivarla, in somma al pentimento vivo e vero.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

 

Molti vedono la virtù più nel pentimento dei falli commessi che nel fatto di evitarli.
Georg Lichtenberg
 
Non pentirti di un fallo commesso, ma compi, in cambio, una buona azione di più.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

 

Mai far posto al pentimento, ma dirsi subito : questo significherebbe proprio accompagnare la prima con una seconda sciocchezza. - Se si è fatto del male, si pensi a fare del bene.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

 

Contro il pentimento. Non amo questa specie di viltà verso la propria azione ; non bisogna abbandonare se stessi sotto la valanga di un'ignominia e di un'angustia inaspettate. In tal caso è opportuna piuttosto un'estrema fierezza. E alla fine, a che serve? Nessuna azione risulta, per il fatto di pentirsene, non compiuta
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89
 
L'innocenza è veneranda, ma quanto lo è pure il pentimento!
Silvio Pellico, Le mie prigioni, 1832
 
Dicesi cristiano un tale che si pente la domenica per quello che ha fatto il sabato precedente e per quello che rifarà il lunedì successivo.
Thomas Russell Ybarra, Il cristiano, 1909

 

Ogni volta che tenterai un’impresa, misura insieme te stesso, ciò che ti prefiggi e a cui ti accingi; poiché il doverti pentire per un’opera non conclusa ti renderà intrattabile.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, I sec.
 
Errare è umano, pentirsi è divino, perseverare nel pentirsi è cattolico.
Mirco Stefanon, Niente di nuovo sotto l'ombelico, 1993
 
Se una donna si pente veramente, le tocca andare da un cattivo sarto, altrimenti nessuno le crederà.
Oscar Wilde, Il ventaglio di lady Windermere, 1892
 
Ciò che ci consola al giorno d'oggi non è il pentimento, ma il piacere. Il pentimento è completamente fuori moda.
ibid.

 

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su