Erri De Luca 

 

Erri De Luca

Napoli 1950
Scrittore e poeta italiano

Citazioni dalle opere

Aforismi e Citazioni - Aforismario

 

 

Una nuvola come tappeto, 1991


Per accogliere una rivelazione, grande o piccola che sia, basta a volte essere docili, termine che indicava in origine la disponibilità a farsi istruire.

 

Aceto, arcobaleno, 1992


Quando l'appartenersi di una donna e di un uomo diventa possesso, allora si può essere perduti, perché si perde solo ciò che si possiede.

 

Un congedo opportuno lascia dietro una porta sempre aperta.

 

Tre cavalli, 2000


A riempire una stanza basta una caffettiera sul fuoco.

 

Si sta in una guerra anche per vergogna di rimanerne fuori.

 

Montedidio, 2002 


Il sole è buono per chi lo piglia da fermo, sdraiato. Per chi lo porta sulla schiena da prima luce fino a sera, il sole è un sacco di carbone.

 

A forza di insistere Dio è costretto a esistere, a forza di preghiere si forma il suo orecchio, a forza di lacrime nostre i suoi occhi vedono, a forza di allegria spunta il suo sorriso. 

 

Il contrario di uno, 2003


I baci non sono anticipo d'altre tenerezze, sono il punto più alto.

 

Non esiste il tradito, il traditore, il giusto e l'empio, esiste l'amore finché dura e la città finché non crolla.

 

In nome della madre, 2006


È la più certa prova d'amore quella di un uomo che cambia parere per essere d'accordo con la donna.

 

Il giorno prima della felicità, 2009


È bella di notte la città. C'è pericolo ma pure libertà. Ci girano quelli senza sonno, gli artisti, gli assassini, i giocatori, stanno aperte le osterie, le friggitorie, i caffè. Ci si saluta, ci si conosce, tra quelli che campano di notte. Le persone perdonano i vizi. La luce del giorno accusa, lo scuro della notte dà l'assoluzione.

 

I desideri dei bambini danno ordini al futuro.

 

Nell'età delle commozioni il cuore non basta a reggere la spinta del sangue. Il mondo intorno è poco rispetto alla grandezza che si allarga in petto.

 

Il peso della farfalla, 2009


Senza certezza di inferiorità manca la spinta a mettersi all’altezza. 

 

In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove.

 

La montagna nasconde, ha vicoli, soffitte, sotterranei, come la città dei suoi anni violenti, ma più segreta. 

 

Un uomo che non frequenta donne dimentica che hanno di superiore la volontà. Un uomo non arriva a volere quanto una donna, si distrae, s’interrompe, una donna no. 

 

Un uomo è quello che ha commesso. Se dimentica è un bicchiere messo alla rovescia, un vuoto chiuso.

 

Il presente è la sola conoscenza che serve.  

 

E disse, 2011


Non è traguardo una cima, è sbarramento.

 

I pesci non chiudono gli occhi, 2011


L’infanzia smette ufficialmente quando si aggiunge il primo zero agli anni. Smette ma non succede niente, si sta dentro lo stesso corpo di marmocchio inceppato dalle altre estati, rimescolato dentro e fermo fuori.

 

Sul mare non è come a scuola, non ci stanno professori. Ci sta il mare e ci stai tu. E il mare non insegna, il mare fa, con la maniera sua.

 


   

 

Il giorno prima della felicità Il giorno prima della felicità
Autore De Luca Erri
Editore Feltrinelli, 2009

Don Gaetano è uomo tuttofare in un grande caseggiato della Napoli popolosa e selvaggia degli anni cinquanta: elettricista, muratore, portiere dei quotidiani inferni del vivere. Da lui impara il giovane chiamato "Smilzo", un orfano formicolante di passioni silenziose.

 

internet bookshop Cerca libri o ebook di Erri De Luca su internet bookshop

  

 

 

 

Aforismario Home Page - Diventa fan di aforismario su facebook

Citazioni per autore - Citazioni per argomento - Avvertenze - Contatti - Torna su