Antonio Gramsci 

 

Antonio Gramsci

Ales 1891 - Roma 1937
Politico, filosofo, giornalista e critico letterario italiano

Aforismario

 

Lettere dal carcere


1926-1937 (postumo, 1947/65)

 

Sono pessimista con l'intelligenza, ma ottimista per la volontà.

 

La bontà disarmata, incauta, inesperta e senza accorgimento non è neppure bontà, è ingenuità stolta e provoca solo disastri.

 

Spesso chi vuole consolare, essere affettuoso ecc. è in realtà il più feroce dei tormentatori. Anche nell'«affetto» bisogna essere soprattutto «intelligenti».

 

Nella vita dei bambini sono le minuzie che contano.

 

Il tempo è la cosa più importante: esso è un semplice pseudonimo della vita stessa.

 

La mia praticità consiste in questo: nel sapere che a battere la testa contro il muro è la testa a rompersi e non il muro.

 

Si diventa vecchi quando si incomincia a temere la morte e quando si prova dispiacere a vedere gli altri fare ciò che noi non possiamo più fare.

 

La prova migliore del fatto che si è stati veramente ammalati è quella di morire: ciò soddisfa tutte le esigenze scientifiche e amministrative.

 

Quaderni del carcere


1929-1935 (postumo, 1948-1951)

 

Occorre persuadere molta gente che anche lo studio è un mestiere, e molto faticoso, con un suo speciale tirocinio, oltre che intellettuale, anche muscolare-nervoso: è un processo di adattamento, è un abito acquisito con lo sforzo, la noia e anche la sofferenza.

Lettere dal carcereLettere dal carcere
Autore Antonio Gramsci
Curatore P. Spriano
Editore Einaudi, 2011

Quando queste "Lettere" apparvero per la prima volta nel 1947, l'emozione fu intensa. Monumento umano e letterario, documento di un rovello intellettuale, di una esperienza culturale e politica vitale per la nostra cultura, le "Lettere" sono entrate a far parte della coscienza degli italiani.

 

Quaderni del carcereQuaderni del carcere
Autore Gramsci Antonio
Curatore V. Gerratana
Editore Einaudi, 2007

I Quaderni costituiscono un classico del pensiero politico del Novecento. Gramsci fu un uomo politico e nella politica è da cercare l'unità della sua opera. Anche negli anni del carcere fascista, che ne logorò irrimediabilmente la fibra e ne spense prematuramente la vita, Gramsci fu "un combattente politico", un grande italiano e un riformatore europeo.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su