Muhammad Ali 

 

Muhammad Ali

(Cassius Clay)

Louisville, 1942
Pugile statunitense

Aforismario

 

Dentro un ring o fuori non c'è niente di male a cadere. È sbagliato rimanere a terra.

 

Dicono ai bambini che Gesù era bianco, così come gli apostoli e gli angeli. Il posto in cui vive il presidente si chiama Casa Bianca. Perfino Tarzan è bianco. Ma come? Bianco uno nato e cresciuto nella giungla?

 

Dovrebbero abolire la boxe perché un boxeur si fa male? Sarebbe una follia. C'è molta più gente che muore in bagno.

 

È difficile essere umili quando si è grandi come lo sono io.

 

È la mancanza di fede che rende le persone paurose di accettare una sfida, e io ho sempre avuto fede: infatti, credo in me.

 

Ero così veloce che avrei potuto alzarmi dal letto, attraversare la stanza, girare l'interruttore e tornare a letto sotto le coperte prima che la luce si fosse spenta.

 

I campioni non si fanno nelle palestre. I campioni si fanno con qualcosa che hanno nel loro profondo: un desiderio, un sogno, una visione.

 

Impossibile è solo una parola pronunciata da piccoli uomini che trovano più facile vivere nel mondo che gli è stato dato, piuttosto che cercare di cambiarlo. Impossibile non è un dato di fatto, è un'opinione. Impossibile non è una regola, è una sfida. Impossibile non è uguale per tutti. Impossibile non è per sempre.

 

Io sono il più grande.

 

L'amicizia è la cosa più difficile al mondo da spiegare. Non è qualcosa che si impara a scuola. Ma se non hai imparato il significato dell'amicizia, non hai davvero imparato niente.

 

L'età è quella che pensi che sia. Si è vecchi quanto si pensa di esserlo.

 

L'islam non è odio: Dio non sta con gli assassini.

 

L'uomo che non ha fantasia non ha ali per volare.

 

La boxe è quando un sacco di bianchi stanno a guardare due neri che si riempiono di botte.

 

La spiritualità è riconoscere la luce divina che è dentro di noi. Essa non appartiene a nessuna religione in particolare, ma appartiene a tutti. 

 

Tutte le religioni hanno nomi diversi, ma tutti contengono le stesse verità.

 

Un uomo che a cinquant'anni vede il mondo come lo vedeva a venti, ha sprecato trent'anni della sua vita.

Condividi  

 

Muhammad AliMuhammad Ali
Storia di una rivoluzione
Autore Bacci Andrea
Editore Ultra, 2013

Muhammad Ali, nato Cassius Clay, non è stato soltanto uno dei pugili più forti della storia della boxe, ma anche, per giudizio unanime, uno dei protagonisti della storia dello sport più riconoscibili, in grado di incidere in profondità come pochissimi altri nella cultura e nella società del suo tempo. La sua è la vicenda umana di un ragazzino nero cresciuto nell'America razzista del secondo dopoguerra che si inventa campione di boxe, affinando le grandi risorse fisiche naturali e aggiungendoci l'invenzione di un personaggio vero e proprio, esuberante, sopra le righe, capace di provocare l'antipatia se non l'odio in chi lo vede e lo ascolta. Specie dopo che la conversione all'Islam, l'adesione alla setta dei "Musulmani Neri" e l'amicizia fraterna - poi tradita - con Malcolm X avranno segnato una svolta definitiva nella sua vita: da quel momento la sua carriera sul ring è stata inscindibilmente legata alla lotta per i diritti dei neri, anzi ne è divenuta lo strumento per eccellenza. Questo libro non racconta solo la lunga storia dei suoi incontri, delle sue incredibili e talvolta discusse vittorie, delle vicissitudini cercate e subite - come il suo tornare a essere campione del mondo dopo un'ingiusta e prolungata squalifica per aver detto "no" all'esercito americano e all'assurda guerra del Vietnam - ma anche la ricerca, quasi ossessiva, di quel percorso che fu la sua personale "rivoluzione", di quella leggenda, sportiva e non, che gli aleggia incontro.

 

Citazioni per autore - Citazioni per argomento

Home-Page - Avvertenze - Contatti - Torna su

 Facebook - Twitter